Salute, Al Policlinico Gemelli open day per bambini affetti da malformazioni del viso

Giovedì 22 Ottobre 2015 di Alessandro Tittozzi
Un aiuto a tutti quei bambini che soffrono per le malformazioni della faccia. L’assistenza arriva dal policlinico Gemelli di Roma che sabato prossimo e sabato 31 ottobre, metterà a disposizione delle famiglie l’unità maxillo-facciale per aiutare i piccoli pazienti a combattere i difetti del viso. In particolare, sarà una due giorni di Open Day per i bambini affetti da labio-palatoschisi (Lps). Queste giornate, con il patrocinio di Ministero della Salute, Regione Lazio e Ordine Provinciale di Roma dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri, sono finalizzate a offrire una consulenza a 360 gradi a bambini e pazienti con una storia di labio-palatoschisi (più comunemente conosciuto come labbro leporino).

Saranno offerte consulenze multi specialistiche gratuite sui vari aspetti del percorso di guarigione per le patologie del labbro e del palato . Sarà fornito anche un supporto per le famiglie in attesa di adozione di bambini con labio-palatoschisi (molto frequente in Cina, Vietnam e altri Paesi), in modo da essere pronti ad accoglierli adeguatamente e preparare così un percorso terapeutico ottimale. Nelle due giornate gli esperti saranno a disposizione per offrire anche un nuovo parere sul percorso di guarigione eventualmente intrapreso presso un’altra struttura. Previo contatto mail e telefonico (06 3503874 – maxillofacciale@h-columbus.it) sarà possibile avere un appuntamento nei due giorni indicati con gli specialisti più adatti al caso clinico. Gli esperti coinvolti nel percorso sanitario sono: il chirurgo; l’ortodontista, il dentista, l’otorinolaringoiatra, il pediatra, il genetista, il logopedista, il foniatra ed, eventualmente, lo psicologo.

“Le giornate rappresentano un’importante opportunità offerta a tutte le famiglie con bambini affetti da labio-palatoschisi”, spiega il Dottor Fabio Massimo Abenavoli, Presidente Emergenza Sorrisi Ong - Le consulenze offriranno anche a madri e padri in procinto di adottare un bimbo con tale condizione un valido supporto sia psicologico che medico per i loro piccoli – continua Abenavoli - Saranno ovviamente aperte anche a quelle famiglie che venendo da aree del mondo martoriate da conflitti e dittature stanno raggiungendo il nostro Paese con la speranza di una accoglienza ‘reale e concreta’ come auspicato da Papa Francesco”.

“Vogliamo rassicurare i genitori di bambini affetti da labio-palatoschisi - aggiunge il professor Sandro Pelo, Direttore UO Chirurgia maxillo facciale del Gemelli - non solo chiarendo i dubbi e i problemi che possono avere, ma soprattutto mettendo a loro disposizione, presso il Policlinico, un percorso terapeutico dedicato, che vede coinvolte tutte le competenze e le figure specialistiche utili a seguire il bambino alla nascita e per tutta l’età evolutiva. La presenza di un team multidisciplinare è estremamente importante - sottolinea Pelo - per accompagnare nella loro crescita i piccoli pazienti fino all’età adulta, eseguendo gli interventi opportuni nelle varie fasi evolutive della parola, della dentizione e dello sviluppo della faccia. I genitori devono sapere che al Gemelli il proprio figlio sarà circondato dall’affetto e dalla competenza di un team che sarà sempre loro accanto per guidarli e aiutarli passo dopo passo nelle diverse fasi della crescita del bambino”. Ultimo aggiornamento: 24 Ottobre, 10:28

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma