Cancro all'utero, crolla copertura sul papilloma virus. «Colpa delle campagne No Vax»

Giovedì 7 Febbraio 2019
4
Cancro all'utero, crolla copertura sul papilloma virus. «Colpa delle campagne No Vax»

TREVISO - Non ci sono solo le vaccinazioni pediatriche. Le campagne No Vax arrivano a incidere anche sulla prevenzione dei tumori. Quello contro il Papilloma virus è l'unico vaccino che consente di scongiurare il rischio di sviluppare una neoplasia. Precisamente previene l'insorgere nelle donne del carcinoma del collo dell'utero, inducendo una protezione maggiore prima di un eventuale contagio con il virus Hpv. Ma negli ultimi tempi la copertura è letteralmente precipitata. Si è scesi dal 76 al 59 per cento. Quasi 20 punti in meno. Abbastanza per parlare di un vero e proprio allarme.

Muore di cancro a 26 anni: nella bara con lui la pergamena della laurea che non ha potuto festeggiare

LE RESPONSABILITÀ «La copertura sta diminuendo. Le campagne no-vax hanno colpito anche questo tipo di vaccini mette in chiaro Enrico Busato, direttore dell'unità di Ostetricia e ginecologia dell'ospedale di Treviso e questo, di conseguenza, apre la porta al rischio di un aumento dei tumori». Il vaccino contro il Papilloma è offerto gratuitamente. La prima dose viene somministrata all'età di 11 anni. Il 65%, però, si ferma a questa, senza terminare il percorso con gli altri due richiami.

Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio, 10:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il treno a prezzo scontato verso l’aeroporto low cost

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma