Variante Mu in Europa, trovati 34 casi in Svizzera. E negli Stati Uniti avanza

Variante Mu in Svizzera, trovati 34 casi. E negli Stati Uniti avanza
di Simone Pierini
4 Minuti di Lettura
Martedì 7 Settembre 2021, 18:37 - Ultimo aggiornamento: 8 Settembre, 09:28

La variante Mu, identificata come B.1.621, inizia a farsi strada. Dopo aver colpito la Colombia si è progressivamente diffusa in tutto il Sud America, è arrivata negli Stati Uniti e ora è sbarcata anche in Europa. L'Ufficio federale della sanità pubblica della Svizzera venerdì scorso ha segnalato la presenza di 34 casi di variante Mu nel Paese. Un dato minimo rispetto agli oltre duemila casi giornalieri che si registrano nelle ultime settimane ma che inizia a preoccupare le autorità locali e non solo. Inevitabile pensare all'Italia che confina con la nazione elvetica in quattro Regioni: la Lombardia, il Piemonte, la Valle d'Aosta e il Trentino Alto Adige. 

Variante Mu, i virologi: «Assai poco diffusa, avanza solo nei paesi con pochi vaccinati, determinante continuare la campagna»

Variante Mu in Svizzera, 34 casi accertati

Ad ufficializzare la presenza dei 34 casi di variante Mu in Svizzera è stata la presidente della Task Force Covid-19 del Consiglio federale, Tanja Stadler, che al momento non si aspetta «che essa sostituisca la variante Delta» che resta la sfida primaria da affrontare. Come riporta Ticinonline anche secondo Thomas Steffen, medico cantonale di Basilea-Città, «per ora non è possibile valutare in modo definitivo il livello di pericolo. Nei prossimi mesi e anni continueremo a sentir parlare di nuova varianti da tenere d'occhio, ma che hanno bisogno di tempo per essere testate in base alla loro pericolosità».

Variante Mu, allerta mutazione colombiana. L'Oms: «Potenziale resistenza ai vaccini»

La variante Mu secondo l'Oms 

L'Organizzazione mondiale della Sanità sta monitorando una nuova variante 'Mù che è stata identificata per la prima volta in Colombia nel gennaio del 2021. È quanto emerge dal report settimanale dell'Oms. La variante denominata B.1.621 è stata etichettata dall'Organizzazione mondiale della Sanità come 'Mù il 30 agosto scorso. Questa variante, sottolinea l'Oms, «ha una costellazione di mutazioni che indicano potenziali proprietà di fuga immunitaria».

La variante Mu avanza negli Usa: presente in 49 Stati

Negli Usa rallenta il ritmo della variante Delta, con i contagi in calo in alcuni stati duramente colpiti, come il Missouri, ma si teme ora per la variante Mu. Da quando è stata scoperta in Colombia a gennaio si è diffusa in circa 40 paesi, mentre negli Usa - secondo Newsweek - è presente in 49 stati americani su 50 (e nel distretto di Columbia, dove si trova la capitale Washington). La California ha riportato il numero più alto di casi (384) dell'ultima variante (che gli esperti temono sia ancora più contagiosa di Delta), e 167 sono nella contea di Los Angeles. Il virologo Anthony Fauci ha affermato che i funzionari sanitari stanno controllando «attentamente» la variante Mu, nonostante non sia «nemmeno vicina» a diventare il ceppo di covid dominante in gli Stati Uniti.

Poco presente in Francia

La variante Mu è al momento «poco presente in Francia»: è quanto riferito dall'agenzia Santé publique France. La variante B.1.621, secondo la denominazione scientifica, è stata classificata a fine agosto come variante da tenere sotto stretta sorveglianza dall'Oms. Secondo l'organismo, questa variante presenta alcune mutazioni che potrebbero resistere ai vaccini, anche se studi ulteriori sono oggi necessari per comprendere meglio queste caratteristiche. È apparsa per la prima volta in Colombia, sulla costa atlantica, a gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA