Quante ore bisogna dormire la notte? «Tanto o troppo poco può portare a un declino cognitivo». Il nuovo studio

Quante ore bisogna dormire la notte? «Tanto o troppo poco può portare a un declino cognitivo». Il nuovo studio
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Maggio 2022, 21:02 - Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 18:42

Quante ore bisogna dormire a notte? La maggior parte ritiene che otto ore siano sufficienti, ma potrebbe non essere così. Un team di ricercatori dell'Università di Cambridge nel Regno Unito e della Fudan University in Cina ha scoperto che sette ore di sonno possono essere la quantità ideale per le persone di mezza età e anziani.

La dieta a orario fa dimagrire veramente? Ecco come funziona il digiuno (seguito anche da Fiorello)

Quante ore bisogna dormire la notte?

In uno studio pubblicato sulla rivista Nature Aging, i ricercatori hanno detto di aver scoperto che sette ore di sonno sono le migliori per le prestazioni cognitive e la buona salute mentale. Gli scienziati hanno esaminato i dati di quasi 500.000 partecipanti di età compresa tra i 38 e i 73 anni e hanno scoperto che un sonno insufficiente - ma anche eccessivo - era associato a prestazioni cognitive compromesse e a una peggiore salute mentale. Tra i partecipanti allo studio hanno, quelli che avevano avuto sette ore ininterrotte di sonno hanno fatto meglio su tutta la linea.

Parkinson e disturbi del sonno, una nuova ricerca trova il collegamento: «Primo passo verso la cura»

Il fattore chiave

Un fattore importante nello studio è la coerenza. I migliori risultati sono stati visti nelle persone che hanno mostrato poche fluttuazioni nei loro modelli di sonno per lunghi periodi di tempo e che si sono attenuti alle sette ore. In altre parole, quattro ore di sonno prima di una riunione importante non possono essere "recuperate" dormendo 10 ore la notte successiva. «Dormire bene è importante in tutte le fasi della vita, ma in particolare quando si invecchia», ha detto Barbara Sahakian, professore dell'Università di Cambridge e coautore dello studio.

 

I rischi della mancanza di sonno

I ricercatori hanno detto che la mancanza di sonno probabilmente ostacola il processo del cervello di liberarsi dalle tossine. Dicono anche che un'interruzione delle onde lente o del sonno profondo può essere responsabile del declino cognitivo. Quando il sonno profondo è disturbato, colpisce il consolidamento della memoria e questo può portare all'accumulo di amiloide, una proteina che può - se non funziona come dovrebbe - causare "grovigli" nel cervello che sono caratteristici di alcune forme di demenza. Un sonno insufficiente o eccessivo potrebbe essere un fattore di rischio per il declino cognitivo nell'invecchiamento.

Dieta di maggio, come prepararsi alla prova costume: ecco le poche (e semplici) mosse della Piramide alimentare

Perché quando si invecchia si dorme meno?

Le ragioni per cui le persone anziane hanno un sonno peggiore sembrano essere complesse, influenzate da una combinazione «del nostro corredo genetico e dalla struttura del nostro cervello», sottolineano gli scienziati. La quantità di sonno potrebbe essere collegata alle differenze nella struttura di regioni del cervello come l'ippocampo, che è considerato il centro di memoria e apprendimento del cervello, e la corteccia precentrale, che è responsabile dell'esecuzione dei movimenti volontari. Dal momento che il rischio di sviluppare l'Alzheimer e la demenza - malattie dell'invecchiamento che vengono con danni cognitivi - è stato collegato alla durata del sonno, i ricercatori hanno detto che ulteriori lavori nel campo della scienza del sonno sono essenziali. «Trovare modi per migliorare il sonno per le persone anziane potrebbe essere cruciale per aiutarle a mantenere una buona salute mentale e il benessere e [loro] evitare il declino cognitivo - sottolinea Sahakian -, in particolare per i pazienti con disturbi psichiatrici e demenze».

© RIPRODUZIONE RISERVATA