Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Epatite acuta pediatrica, allerta del Ministero della Salute. «Segnalare i casi sospetti, nessun legame con il vaccino Covid»

In Italia già 11 segnalazioni di cui due confermate

Epatite acuta pediatrica, allerta del Ministero della Salute. «Segnalare ogni caso sospetto, nessun legame con il vaccino Covid»
4 Minuti di Lettura
Sabato 23 Aprile 2022, 15:19 - Ultimo aggiornamento: 26 Aprile, 16:49

Epatite acuta pediatrica, sono 11 i casi sospetti in Italia, registrati in 8 regioni (Abruzzo, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Sicilia, Toscana e Veneto). Solo due di questi sono stati confermati ed ad uno, giudicato «possibile», è stato eseguito un trapianto. Prosegue intanto il miglioramento per bambino di Prato ricoverato all'ospedale Bambino Gesù, arrivato in gravi condizioni rischiando un trapianto di fegato che è stato poi scongiurato. Una positività per Adenovirus o per SARS-CoV-2 (i due virus principali sospettati di essere la causa) è stata per ora riportata solo in 2 casi sospetti ma il suo ruolo, ipotizzato dai ricercatori inglesi, «non è però confermato» come origine della forma di epatite.

Epatite acuta bambini, come riconoscere i sintomi

La circolare del Ministero della Salute

A fare il quadro sulla situazione nazionale e su quella mondiale è una circolare del ministero della Salute che sollecita la segnalazione di «ogni eventuale caso di epatite acuta» che risponda alla definizione di caso attualmente adottata dall'OMS. Ma il ministero chiede a Regioni e medici, di segnalare anche i pazienti le cui condizioni non sembrano rientrare totalmente nella casistica e di prevedere in ogni caso «la conservazione dei campioni biologici per consentire ogni altro eventuale accertamento ritenuto necessario». L'atto, firmato dal direttore alla prevenzione Gianni Rezza, alza fortemente il livello di attenzione nei confronti di questa malattia che ha colpito - ai dati di oggi in continuo aggiornamento - 108 casi in Gb, 38 in Ue (di cui 11 in Italia), 9 in Usa. Nelle ricerca delle cause, che vede come più probabile un nuovo virus, pare ormai chiaro che il vaccino anti-Covid non abbia nessun ruolo. I bambini colpiti infatti non erano vaccinati.

IL TESTO IN PDF

Indagini tossicologiche

Anche una verifica su alimenti e abitudini personali non ha identificato alcuna esposizione comune. Sebbene le indagini di laboratorio abbiano escluso in tutti i casi un'eziologia virale di tipo A, B, C, D ed E, le autorità sanitarie del Regno Unito considerano l'ipotesi infettiva la più probabile, dato il quadro epidemiologico e le caratteristiche cliniche dei piccoli pazienti. Sono state avviate, e sono ancora in corso, anche alcune indagini tossicologiche. In Usa l'allerta si è ora estesa a livello federale. I Centri per il controllo delle malattie (Cdc), hanno lanciato l'allarme per le epatiti pediatriche. Gli esperti americani per il momento sembrano credere che sia l'adenovirus a scatenare la forma acuta e pericolosa di epatite. Fra i 9 casi statunitensi, tutti fra bambini sotto i 10 anni, non si è registrato nessun decesso ma alcuni hanno sviluppato gravi problemi al fegato e in due casi è stato necessario il trapianto.

 

 

Cosa sappiamo: l'ipotesi Adenovirus 

Tutti, in questo caso, sono risultati positivi ad infezioni da adenovirus. Anche la North Carolina ha riportato un paio di casi analoghi ma entrambi i bambini si sono ripresi. «Le agenzie di sanità pubblica internazionali hanno lanciato l'allarme a causa di un aumento di segnalazioni di epatite acuta in età pediatrica di probabile natura virale. L'allarme squilla per gli esperti. Ci vuole tempo per definirne la causa e non è escluso che, come avvenuto spesso in passato, la causa resti indefinita. Bisogna aspettare e far lavorare gli esperti». scrive su Facebook l'epidemiologo Pierluigi Lopalco. «Nel frattempo - sottolinea - una cosa va fatta: dare la corretta informazione. Definirla epatite misteriosa non fa bene. Si alimentano dietrologie e complottismi. Non c'è nulla di misterioso. Di virus in grado di causare epatite virale ne conosciamo tanti. E alla lista se ne possono aggiungere di nuovi. Si tratta, dunque, di una forma di epatite da causa da accertare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA