Bollettino Covid oggi 7 maggio: 10.554 casi, 207 morti, tasso di positività scende al 3,2%

Bollettino Covid oggi 7 maggio: 10.554 casi, 207 morti, tasso di positività scende al 3,2%
15 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Maggio 2021, 17:41 - Ultimo aggiornamento: 8 Maggio, 00:34

Ibollettino Covid di oggi venerdì 7 maggio: sono 10.554 i nuovi contagi (ieri erano 11.807 i positivi), 207 i morti registrati nelle ultime 24 ore (ieri erano 258), secondo i dati del ministero della Salute. Sono 328.612 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Ieri i test erano stati 324.640. Il tasso di positività è del 3,2% (ieri era al 3,6%). 

Il dato odierno delle vittime è il secondo più basso negli ultimi sette mesi. Solo 5 giorni fa erano stati di meno, 144.

Gli attualmente positivi per il coronavirus in Italia scendono sotto quota 400mila: sono esattamente 397.564 (-5.238 rispetto a ieri). I guariti e dimessi sono 3.572.713 (+15.580). In isolamento domiciliare ci sono 378.980 persone (-4.647). In totale i casi dall'inizio dell'epidemia sono 4.092.747, i morti 122.470.

Terapie intensive e ricoveri in calo

 

I pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia sono 2.253, in calo di 55 unità rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati (ieri 127). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 16.331 persone, in calo di 536 unità rispetto a ieri.

Rezza: «Forse Covid diventerà endemica, sarà come l'influenza»

 

«Probabilmente questa infezione si endemizzerà, molti fattori potrebbero cioè impedire il raggiungimento delle immunità di gregge ma possiamo raggiungere il controllo dell'epidemia: Covid-19 diventerà cioè come l'influenza, infettando la popolazione ma senza conseguenze eccessive. Molto dipenderà dall'andamento delle vaccinazioni». Così il direttore della prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza in conferenza stampa.

Vaccino, allarme degli oncologi: «Per pazienti fragili non estendere il richiamo. Non si sviluppa adeguata risposta»

Covid tra i bambini, Gimbe: casi in aumento tra i più piccoli mentre sono in calo tra gli adulti

I dati

Lombardia1.759 nuovi casi e 25 decessi

 

A fronte di 51.195 tamponi effettuati (di cui 31.892 molecolari e 19.303 antigenici), sono 1.759 i nuovi positivi a Sars-Cov-2 in Lombardia, di cui 107 solo debolmente. Il tasso di positività, oggi è al 3,4 per cento. I morti sono oggi 25, per un totale di 33.106 decessi nella regione da inizio pandemia. Scende il numero di persone ricoverate: in terapia intensiva sono 491, 22 in meno di ieri; nei reparti ordinari 2.968, 104 in meno di 24 ore fa. I guariti/dimessi sono 2.680. Lo fa sapere il quotidiano bollettino sull'andamento della pandemia diffuso da Regione Lombardia.

Veneto, 629 positivi e 10 morti

 

Dati stabili in Veneto per quanto riguarda il Covid: i positivi delle ultime 24 ore sono 629 (4.16.451 sino ad oggi), i morti sono 10 (totale 11.414). L'incidenza dei positivi è pari all'1,56%, «la minore - sottolinea il Presidente Luca Zaia - della seconda ondata della pandemia». Migliora il quadro dei ricoveri: vi sono attualmente 1.228 pazienti, di cui 1.066 in area non critica (-7) e 162 in terapia intensiva (-6).

Friuli Venezia Giulia, 86 casi e 6 decessi

 

Oggi in Friuli Venezia Giulia su un totale di 7.478 test sono state riscontrate 86 positività al Covid 19, pari all'1,15%. Nel dettaglio, dall'analisi di 5.055 tamponi molecolari sono stati rilevati 64 nuovi contagi con una percentuale di positività del 1,27%; da 2.423 test rapidi antigenici invece 22 casi (0,91%). I decessi registrati sono 3, ai quali se ne aggiungono 3 pregressi. I ricoveri nelle terapie intensive scendono a 28 (-3) e si riducono anche quelli in altri reparti che risultano essere 175 (-8). Lo comunica in una nota il vicegovernatore del Fvg con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente ammontano a 3.732, con la seguente suddivisione territoriale: 795 a Trieste, 1.983 a Udine, 667 a Pordenone e 287 a Gorizia. I totalmente guariti sono 90.054, i clinicamente guariti 5.534, mentre le persone in isolamento oggi sono 6.404. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 105.927 persone con la seguente suddivisione territoriale: 20.856 a Trieste, 50.360 a Udine, 20.660 a Pordenone, 12.866 a Gorizia e 1.185 da fuori regione.

Trentino, 90 nuovi positivi e zero decessi

 

Quarto giorno consecutivo con zero decessi in Trentino. Continua a migliorare la situazione negli ospedali dove i ricoverati Covid scendono a 79 (4 in meno rispetto a ieri) di cui 18 in rianimazione. I nuovi ricoveri ieri sono stati 3 e le dimissioni sono state più del doppio (7). Nel rapporto dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari sono 60 i positivi ai tamponi molecolari (su 1.428 test) e 30 quelli all'antigenico (su 1.087 tamponi rapidi). I molecolari hanno confermato inoltre 10 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi. Tra i nuovi contagiati ci sono 27 tra bambini e ragazzi: 5 hanno tra 0-2 anni, 11 tra 3-5 anni, 5 tra 6-10 anni, 4 tra 11-13 anni e 2 tra 14-19 anni. Le classi in quarantena ieri erano 58. Sono 9 casi positivi in fascia 60-69 anni, 3 tra 70-79 anni e nessun ultra ottantenne. Le vaccinazioni sono arrivate a quota 207.433 (sono più di 6000 somministrazioni rispetto a ieri). In questa cifra rientrano 44.007 richiami e le dosi riservate a ultra ottantenni (56.794 dosi) a ultra settantenni (44.966 dosi) e a chi ha fra i 60 ed i 69 anni (44.159 dosi).

Emilia Romagna, 871 nuovi positivi e 16 morti

 

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 374.498 casi di positività, 871 in più rispetto a ieri, su un totale di 29.543 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 2,9%. È quanto emerge dal bollettino regionale. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 38,3 anni. Purtroppo, si registrano 16 nuovi decessi: 2 a Piacenza; 4 nella provincia di Reggio Emilia; 1 a Modena; 2 a Bologna; 1 a Ravenna; 4 in provincia di Forlì-Cesena; 1 a Rimini. Nessun decesso nella provincia di Ferrara. In totale, dall'inizio dell'epidemia i decessi in regione sono stati 12.992. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 197 nuovi casi e Modena (174); poi Parma (109) e Reggio Emilia (103), quindi Forlì (69), Ravenna (58), Rimini (49) e Ferrara (45). Seguono Cesena, con 36 nuovi casi, Piacenza (22) e infine il Circondario Imolese (9).

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 15.537 tamponi molecolari, per un totale di 4.503.688. A questi si aggiungono anche 14.006 tamponi rapidi. Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 729 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 321.870. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 39.636 (+126 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 38.025 (+185), il 95,9% del totale dei casi attivi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 195 (-9 rispetto a ieri), 1.416 quelli negli altri reparti Covid (-50).

Toscana, 715 nuovi casi e 11 decessi

 

In Toscana sono 715 i nuovi contagiati dal Covid (681 confermati con tampone molecolare e 34 da test rapido antigenico), che portano il numero totale a 231.860 dei casi di positività al coronavirus dall'inizio dell'emergenza sanitaria. I nuovi casi sono lo 0,3% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,6% e raggiungono quota 207.361 (89,4% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 12.716 tamponi molecolari e 14.347 tamponi antigenici rapidi, di questi il 2,6% è risultato positivo. Sono invece 9.562 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 7,5% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 18.147, -2,8% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.366 (49 in meno rispetto a ieri), di cui 220 in terapia intensiva (5 in meno). Oggi si registrano 11 nuovi decessi: 7 uomini e 4 donne con un'età media di 81,5 anni. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione. L'età media dei 715 nuovi positivi odierni è di 41 anni circa (il 21% ha meno di 20 anni, il 24% tra 20 e 39 anni, il 34% tra 40 e 59 anni, il 17% tra 60 e 79 anni, il 4% ha 80 anni o più).

Sono 63.692 i casi complessivi ad oggi a Firenze (202 in più rispetto a ieri), 21.143 a Prato (95 in più), 21.826 a Pistoia (81 in più), 12.821 a Massa (18 in più), 23.885 a Lucca (53 in più), 28.308 a Pisa (50 in più), 16.878 a Livorno (48 in più), 21.440 ad Arezzo (106 in più), 13.066 a Siena (36 in più), 8.246 a Grosseto (26 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 404 i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 143 nella Nord Ovest, 168 nella Sud est. La Toscana si trova al 13° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 6.321 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 6.889 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 8.257 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 7.505, Pisa con 6.798, la più bassa Grosseto con 3.773.

Complessivamente, 16.781 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (472 in meno rispetto a ieri, meno 2,7%). Sono 33.234 (439 in meno rispetto a ieri, meno 1,3%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 14.772, Nord Ovest 9.894, Sud Est 8.568). Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 1.366 (49 in meno rispetto a ieri, meno 3,5%), 220 in terapia intensiva (5 in meno rispetto a ieri, meno 2,2%).

Le persone complessivamente guarite sono 207.361 (1.225 in più rispetto a ieri, più 0,6%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 207.361 (1.225 in più rispetto a ieri, più 0,6%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo. Relativamente alla provincia di residenza, le 11 persone decedute sono: 4 a Firenze, 1 a Prato, 3 a Pistoia, 1 a Lucca, 2 a Pisa. Sono 6.352 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 2.049 a Firenze, 533 a Prato, 591 a Pistoia, 518 a Massa Carrara, 637 a Lucca, 670 a Pisa, 398 a Livorno, 415 ad Arezzo, 292 a Siena, 162 a Grosseto, 87 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 173,2 x100.000 residenti contro il 206,3 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (272,9 x100.000), Prato (208,2 x100.000) e Firenze (207,8 x100.000), il più basso a Grosseto (74,1 x100.000).

Lazio, 1.063 casi e 17 morti in 24 ore

 

Il bollettino del Lazio di oggi: su oltre 15 mila tamponi nel Lazio (-3.721) e oltre 20 mila antigenici per un totale di oltre 36 mila test, si registrano 1.063 casi positivi al Covid (+56), 17 i decessi (-22) e +1.277 i guariti. Aumentano i casi e le terapie intensive, mentre si dimezzano i decessi e calano i ricoveri. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 6%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende al 2%. I casi a Roma città sono a quota 500. «Lieve aumento del valore RT ma valutazione del rischio bassa. L’incidenza settimanale sotto la media italiana. Rivedere il peso del coefficiente RT o presto tutta Italia andrà in arancione nonostante incidenza in calo. Nel Lazio un terzo degli utenti della popolazione target (dai 18 anni in su – dato Istat) ha già ricevuto la prima dose di vaccino, il 15% ha già completato il percorso vaccinale», commenta l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Vediamo i dettagli per ogni distretto Asl. Nella Asl Roma 1 sono 150 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso con patologie.

Nella Asl Roma 2 sono 275 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano quattro decessi con patologie.

Nella Asl Roma 3 sono 95 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano quattro decessi con patologie.

Nella Asl Roma 4 sono 60 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto.

Nella Asl Roma 5 sono 87 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso con patologie.

Nella Asl Roma 6 sono 110 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi con patologie.

Nelle province si registrano 286 casi e sono cinque i decessi nelle ultime 24h.

Nella Asl di Latina sono 182 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi di 61 e 79 anni con patologie.

Nella Asl di Frosinone si registrano 55 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registrano tre decessi di 67, 82 e 84 anni con patologie.

Nella Asl di Viterbo si registrano 34 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto.

Nella Asl di Rieti si registrano 15 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. 

Marche, 314 positivi in 24 ore

Nell'ultima giornata 314 positivi al coronavirus nelle Marche sulla base di 2.508 nuove diagnosi con un rapporto positivi/testati del 12,5%. Lo comunica il Servizio Sanità della Regione. Il numero più alto di casi si registra in provincia di Pesaro Urbino (145); seguono Ancona (47), Macerata (46), Ascoli Piceno (44), Fermo (18) e 14 fuori regione). Nel Percorso Screening Antigenico 631 test e 29 casi (da sottoporre a tampone molecolare) per un rapporto positivi/testati «pari al 5%». Nelle ultime 24 ore «testati 4.466 tamponi: 2.508 nel percorso nuove diagnosi (di cui 631 nello screening con percorso Antigenico) e 1958 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 12,5%)». Tra i 314 positivi 51 persone con sintomi; i casi comprendono contatti in setting domestico (75), contatti stretti di casi positivi (88), contatti in setting lavorativo (11), contatti in setting assistenziale (1), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (22). Per altri 66 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

Abruzzo, 196 nuovi casi e 6 morti

 

Sono 196 i nuovi casi di Covid-19 accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Sono emersi dall'analisi di 4.734 tamponi molecolari: è risultato positivo il 4,14% dei campioni analizzati. Dopo l'azzeramento dei decessi registrato ieri, vengono segnalati altre sei vittime, che fanno salire il bilancio a 2.428. Continuano a scendere i ricoveri, che passano dai 349 di ieri ai 334 di oggi. I nuovi positivi hanno età compresa tra 1 e 88 anni. Quelli con meno di 19 anni sono 52, di cui 13 in provincia dell'Aquila, 8 in provincia di Pescara, 21 in provincia di Chieti e 10 in provincia di Teramo. I sei decessi, quattro dei quali relativi ai giorni scorsi e comunicati solo oggi dalle Asl, riguardano persone di età compresa tra 79 e 95 anni: 3 in provincia di Teramo, una in provincia dell'Aquila e 2 in provincia di Pescara. Gli attualmente positivi sono 7.911 (-251): 307 pazienti (-13) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva e 27 (-2, con nessun nuovo ricovero) sono in terapia intensiva, mentre gli altri 7.577 (-236) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. I guariti sono 61.947 (+441). Dei 72.286 casi complessivamente accertati in Abruzzo, 18.055 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+48), 18.724 in provincia di Chieti (+82), 17.897 in provincia di Pescara (+33), 16.869 in provincia di Teramo (+34) e 556 fuori regione (invariato), mentre per 185 (-1) sono in corso verifiche sulla provenienza.

Molise, 29 nuovi casi e 2 decessi

 

Nelle ultime 24 ore in Molise si sono registrati due decessi riconducibili al Covid-19, 482 in totale dall'inizio dell'emergenza, 29 nuovi casi positivi, ieri 30, a fronte di 508 tamponi refertati, ieri 637, 72 guariti, un ricovero. Ô quanto emerge dal report diffuso in serata dall'Azienda sanitaria regionale (Asrem). Il totale degli attualmente positivi in regione è 482, 26 i ricoverati nel reparto di malattie infettive dell'ospedale 'Cardarellì di Campobasso, due in meno rispetto a ieri, 4 in terapia intensiva (-1), nessun ricoverato all'ospedale 'San Timoteo' di Termoli (invariato), nessuno in terapia intensiva e sub intensiva al 'Gemelli Molisè di Campobasso (invariato), nessuno in terapia intensiva e sub intensiva al 'Neuromed' di Pozzilli (invariato). Gli asintomatici a domicilio sono 443, 2.946 il totale dei soggetti in isolamento, 7.753 le visite domiciliari attualmente effettuate dalle Unità speciali di continuità assistenziale (Usca). Al via da oggi in Molise l'adesione alla campagna vaccinale anti Covid anche per la fascia d'età 60-65 anni. Lo rende noto il consigliere regionale delegato alla digitalizzazione, Andrea Di Lucente, ricordando che si tratta di adesioni e non di prenotazioni. «Ciò significa - spiega - che si tratta di una modalità atta a fornire l'elenco di coloro che intendono vaccinarsi per permettere alle squadre di vaccinatori di organizzare il lavoro. Si seguirà, pertanto, l'ordine di età e non quello di adesione alla piattaforma, ma soprattutto andranno prima smaltite le fasce d'età che hanno precedenza qualora per loro non siano ancora terminate le somministrazioni». Per aderire ci si dovrà collegare all'apposita piattaforma all'indirizzo: adesionivaccinazionicovid.regione.molise.it/. Eventuali esigenze particolari andranno comunicate nella sezione 'note' oppure agli indirizzi e-mail messi a disposizione dalla Regione.

«Continuiamo spediti con le adesioni - commenta Di Lucente - stiamo lavorando con la struttura commissariale, a cui compete il piano vaccinale, per apportatore ulteriori modifiche in vista delle adesioni per le fasce d'età più giovani». L'Azienda sanitaria regionale del Molise (Asrem) ha approvato le linee guida per il coinvolgimento dei Medici di medicina generale (Mmg) che hanno aderito alla campagna vaccinale anti Covid. Potranno somministrare i vaccini sia nel proprio studio medico (ai propri assistiti), sia nelle strutture messe a disposizione dall'Azienda sanitaria e da altri enti o istituzioni (per tutti i soggetti convocati), nonché a domicilio del paziente. Il Mmg che manifesta la volontà di somministrare i vaccini nel proprio studio deve, oltre a formulare una specifica dichiarazione, acquisire il consenso informato al paziente e compilare la scheda Anamnestica da conservare nel proprio studio medico. In base a quanto riportato nel Protocollo d'intesa regionale dovrà provvedere a trasmettere i dati all'Anagrafe vaccinale regionale, entro le 21 della giornata. Non è consentita la registrazione della avvenuta somministrazione in un giorno diverso da quello di esecuzione della vaccinazione.

Puglia, 20 decessi e 870 nuovi contagi

 

Su 11.686 test per l'infezione da Covid-19 sono stati registrati oggi in Puglia 870 casi positivi: 221 in provincia di Bari, 95 in provincia di Brindisi, 100 nella provincia BAT, 163 in provincia di Foggia, 172 in provincia di Lecce, 117 in provincia di Taranto, 3 casi di residenti fuori regione, 1 caso di provincia di residenza non nota è stato riclassificato e attribuito. Il tasso di positività è del 7,44%. Sono stati registrati 20 decessi: 4 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 3 in provincia BAT, 6 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 4 in provincia di Taranto. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 2.297.340 test. 190.368 sono i pazienti guariti. 44.637 sono i casi attualmente positivi.

Basilicata, 120 pocitivi e due decessi in 24 ore

 

In Basilicata (che da lunedì 10 maggio dovrebbe lasciare la zona arancione e passare in quella gialla) ieri sono stati analizzati 1.366 tamponi molecolari: 120, tutti di persone residenti in regione, sono risultati positivi al coronavirus. Lo ha reso noto la task force regionale, specificando che nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri due decessi (uno di una persona residente in regione) con il totale delle vittime lucane salito quindi a 525. Sono 157 (sette in meno di ieri) le persone ricoverate negli ospedali lucani, delle quali però solo dieci (come ieri) in terapia intensiva, quattro all'ospedale San Carlo di Potenza e sei al Madonna delle Grazie di Matera. Con 109 nuove guarigioni (in totale 17.668), il numero dei lucani attualmente positivi è salito da 5.961 a 5.971 (5.814 in isolamento domiciliare). Dall'inizio dell'epidemia in Basilicata sono stati analizzati 332.051 tamponi molecolari, 304.684 dei quali sono risultati negativi e sono state testate 192.334 persone.

Valle d'Aosta, nessun decesso e 51 nuovi casi

 

Nessun decesso e 51 nuovi casi positivi che portano il totale dei pazienti affetti da Covid 19 in Valle d'Aosta da inizio epidemia a 11.169. I positivi attuali sono 630, + 20 rispetto a ieri, di cui 27 ricoverati in ospedale, 9 in terapia intensiva, e 594 in isolamento domiciliare. I dati sono contenuti nel bollettino di aggiornamento sanitario della Regione che registra oggi 10.078 guariti, +31 rispetto a ieri. I tamponi fino ad oggi effettuati sono 117.869, + 669, di cui 25.815 processati con test antigienico rapido. Da inizio emergenza coronavirus i decessi di persone risultate positive al Covid in Valle d'Aosta sono 461.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA