Bollettino Covid 16 dicembre: 26.109 contagi e 123 morti, positività al 3,6%. In Lombardia oltre 5 mila casi

Mappe Ecdc, solo Sardegna, Puglia e Molie in giallo

Bollettino Covid di oggi, 16 dicembre: 26.109 contagi e 123 morti, positività al 3,6%. In Lombardia oltre 5 mila casi
14 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Dicembre 2021, 15:53 - Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre, 01:12

Covid, il bollettino di giovedì 16 dicembre 2021: sono 26.109 i contagi e 123 morti. In Lombardia si contano oltre 5 mila casi in 24 ore. Ieri sono stati 23.195 i positivi ai test Covid individuati in 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Martedì erano stati 20.677. Ieri sono stati 129 i morti in un giorno, mentre martedì le vittime erano state 120. Oggi il tasso di positività è del 3,6%, mentre ieri era stato del 3,7%, in rialzo dopo il 2,66% di martedì.

Sono 317.930 gli attualmente positivi al Covid in Italia, secondo i dati del ministero della salute, 12.277 in più rispetto a ieri. Dall'inizio della pandemia i casi totali sono 5.308.180, i morti 135.301. I dimessi e i guariti sono invece 4.854.949, con un incremento di 13.704 rispetto a ieri.

I 26.109 nuovi casi di Covid registrati nelle ultime 24 ore in Italia rappresentano il nuovo record della quarta ondata. Erano nove mesi che non si registravano numeri così alti: l'ultima volta che si sono superati i 26mila casi, infatti, è stato il 13 marzo, quando ne sono stati individuati 26.062.

Balzo delle terapie intensive: +47

Salgono a 917 i pazienti in terapia intensiva in Italia, ben 47 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 101. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 7.338, ovvero 29 in più rispetto a ieri.

Mappe Ecdc, solo Sardegna, Puglia e Molise in giallo

Sardegna, Molise e Puglia in giallo, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Provincia di Bolzano in rosso scuro, il resto della Penisola in rosso. È l'istantanea aggiornata dei contagi Covid secondo la mappa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Il rosso scuro, che indica un'incidenza dei nuovi casi in forte aumento, copre ancora buona parte della Penisola iberica, Francia, Germania, Benelux, Grecia e tutta l'Europa centro-orientale con l'eccezione della Romania, dove ci sono le uniche regioni «verdi» in Europa, e della Bulgaria, in rosso.

Sileri: «Con Omicron possibile riduzione della durata del Green pass»

Con la variante Omicron «potrebbe servire un adattamento del Green pass e potrebbe essere necessaria, vista la riduzione della protezione del vaccino» anti- Covid «dopo la seconda dose, un ridimensionamento della durata del certificato verde. Ma aspetterei dati conclusivi». Così il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, ospite di 'TimeLine' su SkyTg24, ha risposto a una domanda sulla necessità o meno di una revisione della durata del Green pass, oggi fissata a 9 mesi.

«L'Italia fa uno sforzo enorme per sequenziare i casi positivi» a Covid alla ricerca di nuove varianti come la Omicron, «ma è evidente - ha detto ancora Sileri - che deve essere fatto uno sforzo maggiore anche in investimenti. Dovremmo raddoppiare o triplicare il sequenziamento».

Covid Lazio, D'Amato: «Incidenza in aumento, quarantena e contact tracing vanno rispettati»

Omicron, la Francia chiude i confini ai turisti britannici. Dalla Spagna alla Grecia: così i Paesi si isolano per difendersi dalla variante

I dati delle Regioni

Lombardia

Sono 5.304 i nuovi casi di coronavirus in Lombardia nelle ultime 24 ore a fronte di 162.728 tamponi effettuati, per un tasso di positività del 3,2% (ieri 3,5%). Sono 146 i ricoverati in terapia intensiva, (+1), mentre quelli nei reparti ordinari sono 1.185 (-4)- Venti le vittime per un totale in regione di 34.668 dall'inizio della pandemia. Per quanto riguarda le province, a Milano i nuovi casi sono stati 2.016 di cui 811 a Milano città, a Bergamo 321, a Brescia 533, a Como 331, a Cremona 168, a Lecco 119, a Lodi 131, a Mantova 185, in Monza e Brianza 391, a Pavia 244, a Sondrio 84 e a Varese, infine, 516.

Veneto

Sono 3.383 i nuovi casi Covid registrati in Veneto nelle ultime 24 ore, dato che porta il totale dei contagiati a 565.265. Le persone decedute nelle ultime 24 ore sono 22, per un totale dall'inizio della pandemia di 12.125. Continua a cresce il numero dei ricoveri ospedalieri: 31 in più in area medica (1.071 totali) e 15 in più nei reparti intensivi (159 totali). Attualmente il Veneto segna 53.939 positivi (+ 838).

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Fvg su 8.990 tamponi molecolari sono stati rilevati 824 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 9,17%. Sono inoltre 20.369 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 90 casi (0,44%). Anche oggi la prima fascia di contagio è quella degli under 19, con oltre il 20% dei nuovi positivi. Oggi si registrano 7 decessi: due uomini di 96 e 69 anni di Trieste (deceduti in Rsa e ospedale), una donna di 80 anni di Muggia (ospedale), una di 75 anni di Pordenone (ospedale), un uomo di 90 anni di Montereale Valcellina (ospedale), uno di 75 di Pasiano di Pordenone (ospedale) e una donna di 94 di Grado (casa di riposo). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 32, mentre i pazienti presenti in altri reparti sono scesi a 289. Lo comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente sono 4.105: 964 a Trieste, 2.062 a Udine, 743 Pordenone e 336 Gorizia. A seguito di una verifica, il totale dei decessi associati a Covid-19 è stato ridotto di un caso relativo alla Provincia di Gorizia. I totalmente guariti sono 129.017, i clinicamente guariti 331, quelli in isolamento sono 7.813. Dall'inizio della pandemia in Fvg sono risultate positive complessivamente 141.587 persone: 34.140 a Trieste, 60.072 Udine, 28.052 Pordenone, 17.363 Gorizia e 1.960 da fuori regione. Il totale dei casi positivi è stato ridotto di 3 unità dopo 1 test antigenico non confermato da successivo tampone molecolare (Ts) e di 2 test positivi rimossi dopo revisione dei casi (Ts e Go). Nel sistema sanitario regionale, è stata rilevata la positività di due psicologi, due infermieri, due medici e un operatore socio sanitario dell'Azienda Friuli centrale; di tre infermieri e di due operatori socio sanitari dell'Azienda Giuliano Isontina; di un operatore socio sanitario dell'Azienda sanitaria Friuli occidentale; di un infermiere dell'Irccs Cro Aviano; di un operatore socio sanitario dell'Irccs Burlo Garofolo. Sono poi stati rilevati 7 casi nelle residenze per anziani (Pordenone, Spilimbergo e Cormons) e c'è un positivo tra gli operatori nelle strutture stesse (San Giorgio di Nogaro).

Piemonte

Corrono anche in Piemonte i contagi da Covid 19. L'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 2.197 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 1171 dopo test antigenico), pari al 3,3% di 65.781 tamponi eseguiti, di cui 55.610 antigenici. Dei 2.197 nuovi casi gli asintomatici sono 1317(59,9%). I casi sono 1290 di  screening, 667 contatti di caso, 240 con indagine in corso. Il totale dei casi positivi diventa 424.880, di cui 34.096 Alessandria, 20.513 Asti, 13.676 Biella, 60.729 Cuneo, 32.974 Novara, 226.103 Torino, 15.394 Vercelli, 15.590 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.743 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 4.062 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati non in terapia intensiva sono 624 ( +11 rispetto a ieri). I ricoverati in terapia intensiva sono 53(+2 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 21.047 . I tamponi diagnostici finora processati sono 10.753.553(+ 65.781 rispetto a ieri), di cui 2.590.491 risultati negativi. Nove decessi di persone positive al test del Covid-19, tre di oggi, sono stati comunicati dall'Unità di Crisi della Regione Piemonte. Il totale diventa quindi 11.938  deceduti risultati positivi al virus, 1.595 Alessandria, 730 Asti, 441 Biella, 1.472 Cuneo, 959 Novara, 5.701 Torino, 552 Vercelli, 379 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 109 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte. I pazienti guariti diventano complessivamente 391.218 (+964 rispetto a ieri), 31.579 Alessandria, 18.892 Asti, 12.389 Biella, 56.190 Cuneo, 30.613 Novara, 208.720 Torino, 14.383 Vercelli, 14.198 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.563 extraregione e 2.691 in fase di definizione.

Toscana

In Toscana sono 1.222 i nuovi casi Covid (1.185 confermati con tampone molecolare e 37 da test rapido antigenico) - un dato che non si registrava dall'aprile scorso -, che portano il totale a 313.465 dall'inizio dell'emergenza sanitaria da Coronavirus. I nuovi casi sono lo 0,4% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,2% e raggiungono quota 291.590 (93% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 12.617 tamponi molecolari e 21.947 tamponi antigenici rapidi, di questi il 3,5% è risultato positivo. Sono invece 11.343 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 10,8% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 14.400, +4,9% rispetto a ieri. I ricoverati sono 371 (stabili rispetto a ieri), di cui 52 in terapia intensiva (4 in più). Oggi si registrano 7 nuovi decessi: 5 uomini e 2 donne con un'età media di 74,6 anni. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione. Alle 12.00 di oggi sono state effettuate complessivamente 6.735.064 vaccinazioni, 35.827 in più rispetto a ieri (+0,5%), tenendo presente che le Aziende del Sistema Sanitario Regionale proseguono per l'intera giornata. La Toscana è la 6° regione per % di dosi somministrate su quelle consegnate (il 96,8% delle 6.959.272 consegnate), per un tasso di vaccinazioni effettuate di 183.600 per 100mila abitanti (media italiana: 174.967 per 100mila).

L'età media dei 1.222 nuovi positivi odierni è di 38 anni circa (28% ha meno di 20 anni, 24% tra 20 e 39 anni, 28% tra 40 e 59 anni, 17% tra 60 e 79 anni, 3% ha 80 anni o più). Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (1.185 confermati con tampone molecolare e 37 da test rapido antigenico). Sono 86.247 i casi complessivi ad oggi a Firenze (324 in più rispetto a ieri), 27.955 a Prato (59 in più), 29.825 a Pistoia (132 in più), 16.514 a Massa (57 in più), 31.619 a Lucca (117 in più), 36.455 a Pisa (131 in più), 23.898 a Livorno (152 in più), 28.165 ad Arezzo (101 in più), 18.783 a Siena (58 in più), 13.449 a Grosseto (91 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 533 i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 439 nella Nord Ovest, 250 nella Sud est.

La Toscana si trova al 12° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 8.545 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 8.914 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 10.918 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 10.256, Pisa con 8.754, la più bassa Grosseto con 6.154. Complessivamente, 14.029 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (667 in più rispetto a ieri, più 5%). Sono 28.588 (695 in più rispetto a ieri, più 2,5%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 7.422, Nord Ovest 13.646, Sud Est 7.520). Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 371 (stabili rispetto a ieri), 52 in terapia intensiva (4 in più rispetto a ieri, più 8,3%).

Le persone complessivamente guarite sono 291.590 (548 in più rispetto a ieri, più 0,2%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 291.590 (548 in più rispetto a ieri, più 0,2%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo. Relativamente alla provincia di residenza, le 7 persone decedute sono 1 a Prato, 1 a Massa Carrara, 1 a Lucca, 3 a Pisa, 1 a Livorno. Sono 7.475 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 2.398 a Firenze, 657 a Prato, 696 a Pistoia, 548 a Massa Carrara, 710 a Lucca, 758 a Pisa, 434 a Livorno, 566 ad Arezzo, 378 a Siena, 232 a Grosseto, 98 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 203,8 x100.000 residenti contro il 228,1 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (288,7 x100.000), Prato (256,6 x100.000) e Firenze (243,2 x100.000), il più basso a Grosseto (106,2 x100.000).

Umbria

Ancora in crescita gli attualmente positivi al Covid in Umbria, ora 2.869, 166 in più rispetto a mercoledì in base a quanto riporta il sito della Regione. Salgono anche a 57, da 56, i ricoverati negli ospedali, e a nove, da otto, i posti occupati nelle terapie intensive. Nell'ultimo giorno sono stati registrati 260 nuovi positivi e 94 guariti. Con nessun nuovo morto. Sono stati analizzati 3.330 tamponi e 9.946 test antigenici, con un tasso di positività sul totale pari allo 1,95 per cento (era 2,2 per cento mercoledì).

Lazio

Oggi nel Lazio «su 22.168 tamponi molecolari e 30.785 tamponi antigenici per un totale di 52.953 tamponi, si registrano 2.652 nuovi casi positivi (+765), sono 12 i decessi (+1), 805 i ricoverati (-21), 111 le terapie intensive (stabili) e +835 i guariti. il rapporto tra positivi e tamponi è al 5%. I casi a Roma città sono a quota 1.164». Lo sottolinea l'assessore alla Sanità e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato, nel bollettino al termine dell'odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle asl e aziende ospedaliere, policlinici universitari e l'ospedale pediatrico Bambino Gesù. Il Lazio «ha il record di persone testate: superati i 5 milioni, in rapporto alla popolazione è il più alto livello in Italia di testing», ha evidenziato D'Amato. Nel dettaglio i casi e i decessi nelle ultime 24 ore nelle aziende sanitarie della regione. Asl Roma 1: sono 522 i nuovi casi e 1 decesso; Asl Roma 2: sono 571 i nuovi casi e 6 i decessi; Asl Roma 3: sono 71 i nuovi casi e 1 decesso; Asl Roma 4: sono 135 i nuovi casi e 0 i decessi; Asl Roma 5: sono 200 i nuovi casi e 2 i decessi; Asl Roma 6: sono 438 i nuovi casi e 0 i decessi. Nelle province si registrano 715 nuovi casi. Asl di Frosinone: sono 181 i nuovi casi e 1 decesso Asl di Latina: sono 375 i nuovi casi e 1 decesso; Asl di Rieti: sono 39 i nuovi casi e 0 i decessi; Asl di Viterbo: sono 120 i nuovi casi e 0 i decessi.

Abruzzo

«Sono 506 (di età compresa tra 1 e 95 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall'inizio dell'emergenza a 92032.Il bilancio dei pazienti deceduti registra 3 nuovi casi (tutti in provincia di Chieti, di età compresa tra 70 e 90 anni) e sale a 2613.Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 83336 dimessi/guariti (+211 rispetto a ieri)». Lo comunica l'Assessorato alla Sanità della Regione Abruzzo. «Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 6083 (+289 rispetto a ieri), nel totale sono ricompresi anche 864 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall'inizio dell'emergenza, sui quali sono in corso verifiche.124 pazienti (+3 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 16 (+3 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 5943 (+286 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 6594 tamponi molecolari (1650449 in totale dall'inizio dell'emergenza) e 14221 test antigenici (1514863).Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 2.43 per cento». «Del totale dei casi positivi, 23057 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+78 rispetto a ieri), 23335 in provincia di Chieti (+113), 21711 in provincia di Pescara (+164), 23058 in provincia di Teramo (+147), 731 fuori regione (+5) e 140 (-1) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza».

Marche

Continua l'aumento dei ricoverati per covid negli ospedali delle Marche, arrivati a 186 (+9 su ieri), nell'ultima giornata, quando si è registrato un boom di nuovi casi, 753, con incidenza a 263,88. I pazienti in terapia intensiva sono 35 (-1), quelli in semi intensiva 34 (+3), quelli in reparti non intensivi 117 (+9). I dati della Regione, al netto di 11 dimessi, indicano una saturazione delle terapie intensive del 14% e una dell'area medica (151 posti occupati), al 15,5%, superando così l'ultimo parametro (dopo l'incidenza su 100mila abitanti e l'occupazione di posti letto in terapia intensiva). Picco anche nei decessi: sei nelle 24 ore, che fanno schizzare il totale a 3.185. Sono morte 2 donne: una 83enne di Tolentino e una 89enne di Senigallia, e 4 uomini: un 87enne di San Severino Marche, un 76enne di Mondolfo, un 86enne di Fano, un 63enne di Terre Roveresche. Tutti avevano patologie pregresse. In aumento le persone nei pronto soccorso, 39, mentre gli ospiti di strutture territoriali sono 102. I positivi alla data di oggi sono 6.390 (+170), le persone in quarantena 13.761, i dimessi/guariti dall'inizio della pandemia salgono a 121.780.

Valle d'Aosta

Due decessi e 52 nuovi casi positivi al Covid 19 in Valle d'Aosta che portano il totale complessivo delle persone contagiate da virus da inizio epidemia a 14.060. I positivi attuali sono 772 di cui 752 in isolamento domiciliare, 18 ricoverati in ospedale e 2 in terapia intensiva. Il totale dei guariti è di 12.801 unità, + 88 rispetto a ieri. I casi fino ad oggi testati sono 100.980, i tamponi effettuati complessivamente sono 322.203. Con i 2 decessi registrati oggi salgono a 487 le persone decedute in Valle d'Aosta risultate positive a virus da inizio epidemia.

Campania

Sono 1.770 i nuovi casi di Covid-19 emersi ieri in Campania dall'analisi di 39.914 test, 8 i nuovi decessi registrati nel bollettino odierno diffuso dall'unità di crisi regionale. In Campania sono 26 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, 395 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza.

Calabria

Boom di contagi in Calabria dove, nelle ultime 24 ore, ne sono stati accertati 929 - mai così tanti da inizio pandemia con il dato sempre inferiore a 500 - con circa 3.000 tamponi in più rispetto a ieri (9.400 contro 6.201) quando i positivi sono stati 372. In crescita anche il tasso di positività, passato da 6 a 9,88%. Tre le vittime con il totale che arriva a 1.536. In lieve crescita i ricoverati, sia in area medica (+2, 204) che in terapia intensiva (+2, 20). I casi attivi sono 7.559 (+517), gli isolati a domicilio 7.335 (+513) ed i nuovi guariti 409. La provincia più colpita è quella di Cosenza con 447 nuovi positivi.

L'Asp di Cosenza, al riguardo, ha comunicato che «oggi si registrano 447 nuovi casi su 2027 test effettuati; nel totale dei test è compreso anche l'esito di 425 tamponi, di cui 238 positivi, processati ieri e registrati oggi per problemi informatici occorsi nella giornata di ieri». Ad oggi sono stati fatti 1.528.341 tamponi con 99.068 positivi. I dati sono comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle Asp della Regione Calabria. Territorialmente, da inizio pandemia, i casi positivi sono così distribuiti: Catanzaro: casi attivi 791 (28 in reparto, 4 in terapia intensiva, 759 in isolamento domiciliare); casi chiusi 12143 (11973 guariti, 170 deceduti); Cosenza: casi attivi 2.824 (89 in reparto, 8 in terapia intensiva, 2.727 in isolamento domiciliare); casi chiusi 28.581 (27.889 guariti, 692 deceduti); Crotone: casi attivi 336 (7 in reparto, 0 in terapia intensiva, 329 in isolamento domiciliare); casi chiusi 9.148 (9.025 guariti, 123 deceduti); Reggio Calabria: casi attivi 2.820 (70 in reparto, 8 in terapia intensiva, 2.742 in isolamento domiciliare); casi chiusi 32.746 (32.314 guariti, 432 deceduti); Vibo Valentia: casi attivi 705 (10 in reparto, 0 in terapia intensiva, 695 in isolamento domiciliare); casi chiusi 7.460 (7.351 guariti, 109 deceduti).

© RIPRODUZIONE RISERVATA