DIETA

Dieta dimagrante dopo un infarto, funziona solo se la fa anche il partner

Venerdì 28 Agosto 2020

Dopo un infarto se si vuol perdere peso c'è un trucco che si può seguire: bisogna mettersi a dieta in coppia. Infatti, coinvolgere il partner permette di raggiungere migliori risultati. È quanto emerge da uno studio che sarà presentato al Congresso della Società europea di Cardiologia. «Il miglioramento dello stile di vita dopo un infarto è una parte cruciale della prevenzione - ha spiegato Lotte Verweij, ricercatrice dell'Università di scienze applicate di Amsterdam - Il nostro studio mostra che quando i coniugi si uniscono allo sforzo di cambiare le abitudini, i pazienti hanno maggiori possibilità di diventare più sani, in particolare quando si tratta di perdere peso».

La pasta fa bene, chi la mangia sta meglio di chi la evita: ecco perché

Lo studio ha notato come i maggiori miglioramenti ci sono stati nei pazienti che hanno preso parte a programmi legati allo stile di vita e li hanno seguiti con il partner. I pazienti che avevano un compagno che partecipava con loro avevano, nell'arco di un anno, più del doppio delle probabilità raggiungere risultati positivi in almeno una delle aree prese in considerazione (la perdita di peso, l'aumento dell'esercizio fisico, lo smettere di fumare). «I pazienti con partner che hanno aderito al programma di perdita di peso ne hanno perso di più rispetto ai pazienti con un partner che non hanno aderito al programma - ha continuato Verweij - Le coppie hanno spesso stili di vita simili e cambiare le abitudini è difficile quando solo una persona sta facendo lo sforzo. Entrano in gioco questioni pratiche, come fare la spesa, ma anche sfide psicologiche, in cui un partner di supporto può aiutare a mantenere la motivazione». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA