17 aprile 1848 Papa Pio IX ordinò di abbattere il muro che circondava il ghetto ebraico

di Enrico Gregori
Il 17 aprile 1848, papa Pio IX ordinò di abbattere il muro che circondava il ghetto ebraico di Roma. Con la proclamazione della Repubblica Romana, nel 1849, la segregazione fu abolita e gli ebrei emancipati. Caduta la Repubblica, lo stesso pontefice obbligò gli ebrei a rientrare nel quartiere sia pure ormai privo di porte e recinzione.

L’Italia è l’unico paese – oltre la Palestina e terre finitime – che ha una storia ebraica continua e ininterrotta. La Comunità ebraica di Roma è la più antica d’Europa: si hanno notizie di Ebrei che abitavano in questa città già nel secondo secolo avanti Cristo; altri sopraggiunsero numerosi, dopo il 63 a.C. venuti con Pompeo, conquistatore della Giudea; quindi la Comunità Ebraica di Roma è ben più antica del Papato.
Marted├Č 17 Aprile 2018 - Ultimo aggiornamento: 00:02

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-04-17 09:25:33
Occorre aggiungere anche gli ebrei provenienti dalla Spagna dopo la cacciata del 1492... Molte famiglie ebree romane provengono infatti dalla Spagna...
QUICKMAP