Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

29 settembre 1954 La Confagricoltura rompe le trattative per i tagliariso

29 settembre 1954 La Confagricoltura rompe le trattative per i tagliariso
di Enrico Gregori
1 Minuto di Lettura
Sabato 29 Settembre 2018, 00:00
A Roma, la Confagricoltura rompe le trattative per i tagliariso, negando il modico aumento richiesto.
Tra il 1950 e il grande sciopero del 1954 si svolsero notevoli lotte per l'imponibile e per ottenere lavori di bonifica e una forte azione per il patto di compartecipazione. Più simbolica sembrò essere l'azione per l'applicazione della legge Gullo - Segni sulle terre incolte, mentre quella per la legge Stralcio, se dapprima scontò incertezze e oscillazioni presenti nel sindacato e nella sinistra, in un secondo momento nella provincia si organizzò una mobilitazione notevole. La limitatezza delle superfici messe a disposizione per l'assegnazione dall'ente Delta e il modo stesso in cui queste assegnazioni vennero fatte, ingenerarono nella popolazione un profondo malcontento. Le attribuzioni vennero fatte con criteri discriminatori soprattutto di matrice ideologica; inoltre a causa della limitata estensione del fondo, molti assegnatari furono costretti ad abbandonarlo: di qui le ragioni delle lotte per la promulgazione di una legge di reale riforma fondiaria. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA