Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Premi a Cinecittà, la musica è un film

Premi a Cinecittà, la musica è un film
di Lucilla Quaglia
2 Minuti di Lettura
Domenica 6 Giugno 2021, 10:52

Un'intensa e commovente clip sul grande Franco Battiato apre, presso la Sala Fellini degli Studi di Cinecittà, la XVIII Edizione del Roma Videoclip il cinema incontra la musica. Un ottimo modo per salutare star delle note, registi e attori, seduti in platea. Dopo un fuoco di fila di flash, ecco la cerimonia di premiazione, presentata da Danilo Brugia. Una rosa davvero ricca di allori. Raggiunge il palco l'artista femminile dell'anno, Tosca Donati, in black, omaggiata per il videoclip Ho amato tutto, regia di Ferzan Ozpetek. Federico Zampaglione è premiato come artista multimediale, in qualità di regista, per il successo del nuovo film Morrison. Talmente multimediale da fare una storia per i social sui fotografi che lo ritraggono. Con lui la compagna Giglia Marra, in floreale, e la piccola Linda, che ha avuto con Claudia Gerini.

E ancora Lillo e i Vagabondi per Logorroico Rap, regia di Marco Pontecorvo, con Carolina Crescentini. Flash per Lillo arrivato in sella ad una roboante moto. È il turno del regista di Un milione di cose da dirti, Tiziano Russo, per Ermal Meta. Diodato, sul podio per Fai rumore, regia di Giorgio Testi, manda un video come Nino D'Angelo, che vince con Il compleanno, regia di Miriam Rizzo (regista dell'anno) con Rossella Brescia.
Premio per il sociale alla band Le AnimeNote per il video Che è rimasto de loro, regia di Damiano Impicicchè. Gli Zero Assoluto con L'Astronave, regia di Olmo Parenti. Arriva Sergio Cammariere con La rotta degli Alisei, regia della Rizzo, interpretato da Leo Gullotta. Mi sono ispirato alla libertà del mare, dice Cammariere. E ancora Paolo Pansini, compositore rivelazione del film Quelli del dopo, regia di Fabrizio Borni. A Folcast il Premio Rivelazione Siae per Scopriti, diretto da Giacomo Citro. L'obiettivo della manifestazione, diretta da Francesca Piggianelli, in collaborazione con Luce Cinecittà, è dare sempre maggior risonanza al video musicale, una forma d'arte espressiva in evoluzione, omaggiando la creatività e i talenti del nuovo panorama musicale.



 

© RIPRODUZIONE RISERVATA