Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Totti, la doppia fila e il cornetto: il romano turista all'estero? Impossibile non riconoscerlo

Totti, la doppia fila e il cornetto: il romano turista all'estero? Impossibile non riconoscerlo
2 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Agosto 2022, 08:21 - Ultimo aggiornamento: 12 Settembre, 13:36

Il romano che viaggia all'estero si comporta come se esistesse ancora l'Impero: non va in vacanza, va a controllare le colonie. Lo riconosci subito. Nei musei, per strada, sminuisce tutti i monumenti che va a visitare, fosse anche la Grande Muraglia cinese: «E capirai, tutto questo casino per due cocci. A Roma ce l'abbiamo sotto casa».

Caldo record, «A Roma se schiuma»: i metodi (originali) dei romani per sopravvivere all'afa

Per il romano tutto quello che c'è fuori dal Gra è ignoto (e mai paragonabile). Non importa se per andare da Roma nord a Roma sud si impiega lo stesso tempo che per andare da Roma a Napoli: per chi vive nella Capitale, l'interno sarà sempre meno lontano e strano dell'esterno. Al bar il cornetto non sarà mai la brioche e la pizza bianca mai focaccia. Per principio. E ci resta quasi male se in una qualsiasi altra città trova posto con l'auto: la doppia fila, per il romano, è uno stile di vita. I ciclisti sulla ciclabile? La metro che funziona? Stranezze. Con gli stranieri si gioca sempre le stesse carte: «Daje, Totti, il Colosseo». E non c'è niente che lo faccia più arrabbiare di sentirsi dire: «Sei romano? Mia zia abita a Talenti la conosci?». «Semo più di 2 milioni, mica 2 spicci». Perché puoi togliere un romano da Roma, ma mai Roma dal cuore di un romano.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA