Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, le monetine di Fontana di Trevi andranno al Comune: nuovo scontro con la Chiesa

Roma, le monetine di Fontana di Trevi andranno al Comune: nuovo scontro con la Chiesa
di Camilla Mozzetti
3 Minuti di Lettura
Domenica 13 Gennaio 2019, 10:58 - Ultimo aggiornamento: 20:01

Per i turisti resterà tutto come prima: chiudere gli occhi, esprime un desiderio e lanciare un soldino nella Fontana di Trevi. Ma la rivoluzione, che ci sarà dal primo di aprile, ha già creato il primo effetto politico: il nuovo scontro, dopo l'affondo di monsignor Lojudice (vescovo ausiliare di Roma) sui rifiuti, tra Campidoglio e la Chiesa. Argomento, stavolta, le monetine della fontana più famosa del mondo che non saranno più gestite, come è stato per tutti questi anni, direttamente dalla Caritas. Il Comune, infatti, seguendo un principio laico, ha deciso di ri-avocare a sé l'utilizzo di quel tesoretto, patrimonio da circa 1,5 milioni di euro l'anno, che poi sarà utilizzato per progetti sociali. Una parte di quei soldi dovrebbe finire anche alla stessa Caritas, ma quello che cambia è tutto il quadro d'insieme.

Fontana di Trevi, dal primo aprile le monetine non andranno più alla Caritas

Così, in un clima che sottotraccia, ma nemmeno troppo si fa sempre più teso tra Palazzo Senatorio e Oltretevere, ieri è stato Avvenire (il quotidiano della Cei e quindi dei vescovi) ad affrontare la questione con un titolo in prima pagina («Le monetine tolte ai più poveri»). Il secondo colpo, dopo quello di Lojudice, nel giro di due giorni. A catena, si è scatenata anche la bagarre politica. Prima le opposizioni («Dopo la tassa sul terzo settore, ora le monete di Fontana di Trevi: Raggi e M5S hanno il sociale nel mirino», dice il senatore e segretario regionale del pd Bruno Astorre), poi la stessa Caritas: «C'è preoccupazione ma c'è tutto il desiderio di continuare a collaborare con il Campidoglio», dice il neo direttore don Benoni Ambarus interpellato da Vatican news.

 

 


LA SCELTA
In realtà la decisione di internalizzare l'utilizzo di un gettito non trascurabile era stata elaborata già a ottobre del 2017. Il principio è chiaro, quasi elementare: Fontana di Trevi è un bene del Campidoglio e tocca quindi all'amministrazione pubblica gestire i fondi prodotti da quel sito. Ovviamente le monetine non finiranno nel grande calderone delle casse comunali, non saranno iscritte cioè a Bilancio per sostenere spese o lavori generici ma saranno blindate in un'ottica di supporto sociale e culturale nell'interesse della città. Potrebbero alla fine (su questo non è stata ancora presa una decisione ufficiale) essere in parte destinate sempre alla Caritas o ad altri soggetti (anche laici) che si occupano di volontariato.

LE FINALITÀ
Nel testo della memoria di giunta, licenziata lo scorso 28 dicembre, si specifica che ad occuparsi della raccolta sarà Acea (a cui spetta la pulizia delle fontane): «Il ricavato della raccolta si legge dovrà essere destinato in misura prevalente al finanziamento di progetti sociali e per la restante parte alla manutenzione ordinaria del patrimonio culturale». La promessa è, dunque, chiara. Non finisce però qui. Sempre in quest'ultima memoria l'amministrazione capitolina concede comunque una proroga, fino alla fine di marzo, all'organismo pastorale della Conferenza episcopale italiana dilazionando ancora una volta la scadenza per la gestione delle monetine. In realtà, infatti, stando ai primi di ottobre 2017, il Campidoglio aveva deciso di sospendere la convenzione con la Caritas già al termine del 2018. All'ente sono stati concessi altri tre mesi, gli ultimi. Ora, dal primo aprile, il cambio diventerà effettivo. Dopo le polemiche in Campidoglio rassicurano: «Stiamo valutando l'ipotesi di lasciare una parte anche alla Caritas». Ma le tensioni con la Chiesa restano sul tavolo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA