Termini choc, turista picchiato e rapinato da 3 uomini: «Salvato dai militari»

Termini choc, turista picchiato da 3 uomini: «Salvato dai militari»
di Marco De Risi
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Agosto 2021, 07:18 - Ultimo aggiornamento: 07:44

Ancora un'aggressione alla stazione Termini. Un turista è stato circondato da tre stranieri che l'hanno picchiato. L'agguato è avvenuto all'ora di pranzo. Il turista, cittadino del Congo, è uscito da un ristorante vicino piazza dei Cinquecento. Sarebbe voluto andare a San Pietro con i mezzi pubblici ma non ha potuto: è stato accerchiato da tre tunisini, con precedenti penali che hanno iniziato a colpirlo con calci e pugni a scopo di rapina.
Il turista aveva con sè comunque pochi euro, avendo lasciato i soldi per il viaggio in albergo. L'uomo ha visto da lontano una pattuglia dell'Esercito e si è salvato dall'aggressione rifugiandosi vicino il fuoristrada dei militari. I tre hanno desistito e sono fuggiti verso la stazione confondendosi fra turisti e passeggeri.

Stazione Termini, pestato per una rapina

 

L'aggressione sembrava essere terminata ma una pattuglia del commissariato Viminale è riuscita ad arrestare i tre tunisini. E' avvenuto infatti che il turista abbia avuto la prontezza di rivolgersi ad una volante di passaggio descrivendo all'equipaggio i tre aggressori.

Roma, rapina choc al compro-oro: bottino da 200 mila euro in pieno giorno


Il turista ha raccontato com'erano vestiti e ha delineato le loro fisionomie. Ecco che la volante s'è messa a pattugliare la zona della stazione anche a caccia dei tre tunisini. I poliziotti ne hanno avvistati due che potevano corrispondere alle descrizioni della vittima. Li hanno bloccati, hanno verificato che si trattava di pregiudicati e, quindi, li hanno portati al commissariato Viminale per un controllo. Lo stesso posto di polizia dove era andato il turista del Congo per fare denuncia formale dell'aggressione.
All'interno del commissariato, il turista si è trovato faccia a faccia con i due tunisini che ha riconosciuto come i due banditi che l'avevano aggredito poco prima. Per i tunisini sono scattate le manette per tentata rapina.


L'INGENUITÀ
Com'è finito in manette il terzo tunisino? Il suo arresto è stato singolare. Lo straniero si è messo a pochi metri dal commissariato. Forse voleva vedere se i due complici fossero arrestati. Una curiosità che ha pagato a caro prezzo. Gli agenti del commissariato l'hanno individuato e bloccato. Anche lui è stato riconosciuto dal turista che non ha avuto dubbi ad indicarlo come il terzo rapinatore. Si tratta dell'ennesimo arresto che avviene in questi giorni nei pressi della stazione Termini. Ormai, quasi all'ordine del giorno, ci sono dei pattuglioni delle forze dell'ordine che operano in modo congiunto, sinergico. Quindi, carabinieri, polizia, guardia di finanza, vigili urbani pattugliano le strade della stazione facendo opera di prevenzione dei crimini e controllo del territorio. Marco De Risi
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA