Roma, alle primarie del Pd è candidato al V Municipio ingegnere convertito all'Islam

Francesco Tieri
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Lunedì 24 Maggio 2021, 20:16 - Ultimo aggiornamento: 20:29

Si chiama Francesco Tieri, si è convertito all'Islam 15 anni fa e ora si candida alle primarie del centro sinistra, precisamente nel V Municipio dove, in passato, ci sono stati problemi verso i centri islamici, proprio per difendere il diritto di culto di tutti.

Francesco è da anni molto attivo con le moschee bengalesi e ora ha deciso di scendere in campo  per fare affiorare «l'intollerabile vuoto normativo» in materia di libertà religiosa. Il V Municipio è stato scelto perchè include zone come Torpignattara e Centocelle dove anche recentemente non sono mancati i problemi legati alla minoranza islamica. «A Roma si è sempre scelto di ignorare la questione quando non di perseguitare il culto islamico nascondendosi dietro l'ingombrante moschea diplomatica situata alle pendici di Monte Antenne, lontanissimo dalla maggior parte dei 120 mila musulmani che vivono nella capitale e che risiedono a maggioranza nel quadrante est della città» spiega Tieri che scrive per La Luce, il giornale online che racconta la vita della minoranza musulmana in Italia.

Tieri ha 46 anni, si è convertito 15 anni fa, ha una laurea in ingegneria informatica e una lunga esperienza nel settore delle telecomunicazioni. E' sposato, ha due bambine, è ha un unico hobby, la maratona. «Nel quadrante Est di Roma si riscontrano caratteristiche sociali quasi uniche in termini di varietà etnica e religiosa. Sul versante della politica non c'è mai stata la volontà di provare a esercitare una governance e una azione propositiva» spiega Tieri che ironizza: «Io per scelta etica non mangio animali da oltre 20 anni e trovo squilibrato che si possa parlare di diritti degli animali dimenticandosi degli immigrati musulmani. Voglio contribuire a correggere questa svista clamorosa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA