Poliziotto ucciso a Trieste, in duemila a Velletri per l'ultimo saluto

Giovedì 17 Ottobre 2019
I funerali (foto LUCIANO SCIURBA)

Oltre duemila persone hanno partecipato ai funerali a Velletri di Matteo Demenego, l'agente di polizia ucciso il 4 ottobre nella questura di Trieste insieme al collega Pierluigi Rotta. 
Il poliziotto era originario della cittadina. Le esequie officiate dal vescovo Vincenzo Apicella si sono svolte nella cattedrale di San Clemente. Tra le autorità presenti il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il questore di Roma Carmine Esposito, il prefetto  Gerarda Pantalone, Maria Teresa Zotta, vice sindaco della Città metropolitana, il  procuratore capo di Velletri Francesco Prete, il sindaco di Velletri Orlando Pocci.

Schierati per le esequie anche i rappresentanti di tutte le altre forze dell'ordine e i guardiaparco dei Castelli Romani con la protezione civile . La polizia locale di Velletri ha diretto la viabilità e controllato tutti gli accessi vietati nella zona della cattedrale. Straziante ma composto il dolore dei familiari del poliziotto ucciso, salutati e abbracciati dagli oltre duemila presenti, il padre Fabio, la madre Monica, il fratello Gianluca e la fidanzata Valentina, giunta da Trieste insieme ai suoi genitori. 

LEGGI ANCHE Chi erano Matteo Demenego e Pierluigi Rocca 
 

 
 

 

Ultimo aggiornamento: 15:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi