Adescava minori in chat, pedofilo smascherato dal padre di una tredicenne: condannato

Domenica 10 Marzo 2019 di Adelaide Pierucci
Poco più che ventenne, dipendente pubblico, in cerca del vero amore. Con una falsa identità, una valanga di bugie e un corteggiamento, insistente, un trentaseienne romano per mesi ha agganciato bambine in chat. Preferibilmente tredicenni, ingenue e senza esperienza, e iscritte a WeChat. «Sei bella, mi piaci». «Già mi sembra di volerti bene». «Vediamoci». «Non raccontare il nostro segreto». Il passo successivo era quello di spingerle a inviare e ricevere foto intime o strappare incontri ancora più pericolosi. In auto, ma anche con appuntamenti fuori porta, dove le raggiungeva. Ieri è stato condannato a sei anni e quattro mesi di carcere per adescamento di minori e atti sessuali con minorenni.

APPUNTAMENTO AL MARE
È stato un papà a stanarlo. Il padre di una tredicenne che, durante una breve vacanza a Santa Severa, non vedendo rientrare la figlia, tredici anni e ancora nella scuola primaria, l'aveva cercata in uno stabilimento balneare trovandola in compagnia dell'uomo. La baciava su un lettino prendisole. «Ero convinto che fosse diciottenne», si è giustificato con lui l'approfittatore. L'indagine è partita da quella segnalazione, nell'estate del 2013. Sono stati poi i carabinieri a scoprire che l'uomo, un disoccupato ora quarantaduenne, nello stesso periodo aveva agganciato un'altra adolescente a cui imponeva giorno dopo giorno contatti via web sempre più erotici. In questo caso, però, i familiari hanno scelto di non procedere con la denuncia per non affrontare il processo contro il sospetto pedofilo. Ma il precedente è finito comunque agli atti del pm Eugenio Albamonte, che ha portato a giudizio l'adescatore seriale. «Mia figlia non è rientrata dopo un bagno al mare - aveva denunciato invece, l'altro papà - Quindi, preoccupato, sono andato a cercarla. Dopo aver perlustrato la spiaggia per un'oretta l'ho trovata su una sdraio. Qualcuno la abbracciava e baciava. E alla mia vista ha cercato di coprirla». «Ho chiesto all'uomo chi fosse». Solo il nome, Stefano, però, a conclusione delle indagini si è rivelato vero.

LA TRAPPOLA
Di certo, come è stato ricostruito coi contatti WeChat, conosceva l'età della ragazzina. «Ho tredici anni - si era presentata - I miei genitori non mi lasciano uscire sola». Eppure l'adolescente allettata dal corteggiamento si era allontanata da casa almeno tre o quattro volte per incontrare quel giovane che riteneva il fidanzato segreto. L'adescatore di minorenni ora dovrà risarcire sia la ragazzina che i genitori per la trappola tesa, così come chiesto dal legale di parte civile, l'avvocato Sandra Aromolo. In tutto trentamila euro.

  Ultimo aggiornamento: 09:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani