Monte Livata, si scia: oggi ski pass gratis. Gli operatori: «Boom di richieste, da anni le piste non aprivano prima di Natale»

Parte la stagione sciistica a Monte Livata
di Antonio Scattoni
3 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Dicembre 2021, 13:57 - Ultimo aggiornamento: 13:58

Monte Livata parte la stagione sciistica, da oggi impianti aperti sul comprensorio di Monna dell’Orso. Per la prima volta sulla Montagna di Roma Capitale, a 80 chilometri dal Colosseo, è arrivato anche l’open day, per tutta la giornata odierna, infatti,  si scia gratis dalle ore 9 alle 16. Naturalmente soddisfatti gli operatori turistici ma anche i responsabili della Livata 2001 dopo due stagioni sciistiche fallimentari, la prima per mancanza di neve la seconda per il Covid. E’ importante comunque rispettare le norme anti Covid, mascherina, distanziamento e avere il green pass per poter accedere agli impianti.

"Noi siamo pronti – dice Diego Checchi, responsabile tecnico della 2001 – sulle piste della Monna, le piste da sci più vicine a Roma, ci sono 45 cm di neve compatta e battuta, le temperature la notte vanno sotto lo zero, pertanto manto nevoso ottimo per una bella sciata. Dopo due anni di magra aspettiamo gli sciatori".

Per le piste di Monna dell’Orso ad un’altitudine di 1700 metri, c’è spazio per tutti gli sportivi, dai provetti sciatori, con le piste più impegnative, ai  principianti con la classica Topolino in mezzo alla secolare faggeta.  Lo ski pass giornaliero costa 20 euro, metà giornata 16 e due ore 12, si può anche optare per un abbonamento di due e tre giorni, il settimanale e lo stagionale che costerà 250 euro.  Ma Monte Livata non è solo lo sci di discesa, è apprezzata anche per lo sci nordico con il suo anello tricolore a Campo dell’Osso, piste di fondo battute e a disposizione degli sportivi, abbonamento giornaliero solo 5 euro. 

A Campo dell’Osso c’è anche il Family-park, amato soprattutto dalle famiglie per far divertire i loro bambini,  costo del giornaliero che comprende l’uso di bob o slitta è di 10 euro. Per chi non scia e ama conoscere il paesaggio innevato e la sua grande faggeta ci sono le escursioni con guide specializzate, a disposizione due  società locali, “Livata Escursioni” e  “ Vivere l’Aniene”.

La  neve prima del Natale e poter sciare durante le vacanze faceva parte dei ricordi lontani a cui bisogna sommare lo stop per cinque anni dello sci alpino, ripartito solo nel 2013 con la nuova seggiovia installata grazie ad un finanziamento regionale di duemilioni e mezzo di euro: "Erano  anni che non accadeva – dice Fabrizio del nolo ski di Campo dell’Osso –  lavorare durante le vacanze di Natale e Capodanno vuol  dire aver già salvato la stagione invernale". Gli fa eco un ristoratore: "Una partenza così – dice Emiliano - non la ricordavo più. Siamo contenti, anche se con il Covid e le vacanze di prossimità molti hanno scoperto Livata".

Vedono un futuro roseo alle “Casette Montane” con l’affitto degli appartamenti: "Ogni giorno riceviamo telefonate - racconta Lorenzo, 32 anni – abbiamo tantissime richieste. Per i frequentatori di Livata c’è stato un cambio generazionale e molti hanno scoperto la bellezza della nostra montagna". Su Livata punta tutto l’amministrazione comunale: "Ci sono fondi bloccati da anni che vogliamo utilizzare – dice il sindaco Domenico Petrini – presto convocheremo la conferenza dei servizi. Puntiamo all’innevamento programmato e a migliorare i servizi  esistenti e a completare l’acquedotto ma in cantiere ci sono molte altre iniziative".

© RIPRODUZIONE RISERVATA