Roma, Luigi Panzieri accoltellato in casa a Colleverde: sospetti sull'amico della colf

L'uomo interrogato a tarda notte, oggi confronto all'americana con il portiere

Roma, Luigi Panzieri accoltellato in casa a Colleverde: sospetti sull'amico della colf
di Flaminia Savelli
4 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Aprile 2022, 06:13 - Ultimo aggiornamento: 06:15

C'è un super sospettato per il delitto di Colleverde. Nel mirino delle indagini è finito un uomo, il compagno della badante di Luigi Panzieri, la vittima. L'ex agricoltore di 86 anni trovato mercoledì mattina morto accoltellato nella cucina del suo appartamento in via Monte Rosa. L'allarme, nel comune alle porte della Capitale che si allunga sulla via Nomentana, era scattato alle 11 quando, la donna che prestava assistenza al pensionato tornando dalla spesa, non aveva ricevuto risposta al citofono.

Luigi Panzieri ucciso a Roma, svolta vicina

 

A quel punto dopo aver allertato il portiere del condominio, era stata chiamata la figlia della vittima che riuscendo ad aprire la porta dell'appartamento, ha trovato il padre steso a terra in una pozza di sangue. I poliziotti della Squadra Mobile di Roma hanno quindi avviato l'inchiesta ascoltando fino a tarda notte la badante, A. T. di 46 anni. Concentrandosi su orari e spostamenti riferiti. Per tutta la giornata di ieri, hanno quindi incrociato le informazioni della donna allargando l'indagine fino al suo compagno. L'uomo, residente a Rieti, è stato raggiunto nel suo appartamento mercoledì notte e ancora ieri mattina è stato ascoltato in commissariato a Tivoli. E ora sono in corso gli accertamenti sul suo alibi: dovrà chiarire dove si trovava la mattina del delitto mentre Panzieri veniva ripetutamente accoltellato all'addome.

Luigi Panzieri ucciso in casa a Roma, colpito con 7 coltellate: interrogata la badante


IL MOVENTE
Gli agenti inoltre procederanno con un confronto all'americana tra il sospettato e il portiere di via Monte Rosa. La mattina dell'omicidio, ha infatti riferito di aver notato «un uomo che indossava un k-way mimetico e uno scalda collo nero aggirarsi con fare sospetto e imboccare le scale della palazzina».

Mentre verranno analizzate pure le immagini di video sorveglianza del condominio di Colleverde. Al momento la pista seguita dai poliziotti è quella di una rapina degenerata. Dal conto dell'ex agricoltore sono spariti 600 euro e in casa, insieme alle chiavi, sono spariti due bancomat. Secondo la badante, sarebbe stato proprio il pensionato a incaricarla del prelievo. Non essendo poi in grado però di chiarire dove sia finita la somma prelevata.
Infine, c'è un ultimo pezzo da inserire nel complicato puzzle: una testimone chiave ha riferito di aver sentito intorno alle 8 del mattino una violenta lite nell'appartamento di Panzieri. Di più, avrebbe sentito gridare una donna. Dietro la lite potrebbe dunque nascondersi il movente dell'assassino.

Panzieri ucciso a Colleverde, i vicini: «Ora c'è tanta paura, questo è un posto tranquillo»


IL SOPRALLUOGO
«Mio padre non avrebbe affidato a nessuno il bancomat, era autonomo e auto sufficiente» ha più volte ribadito Giulia, la figlia della vittima. Che ha precisato: «Chiudeva la porta di casa con tutte le mandate solo quando andava a dormire la notte».
Un ulteriore elemento da chiarire nel giallo anche perché dall'appartamento è sparito pure un mazzo di chiavi. Infine gli agenti hanno eseguito un altro sopralluogo ieri pomeriggio nell'appartamento di via Monte Rosa già sotto sequestro. Hanno proceduto con i rilievi ma non solo. Perché secondo una prima ricostruzione, l'aggressione si sarebbe consumata proprio nella cucina dove poi è stato trovato l'anziano senza vita. La ricerca ieri si è concentrata sui coltelli nella cucina. Nei prossimi giorni verranno eseguite comparazioni e analisi. Non è escluso che il killer possa aver trovato l'arma del delitto proprio nella cucina della vittima. Per farlo poi sparire una volta consumato il delitto. Infine ieri è stata eseguita l'autopsia, gli esami autoptici hanno confermato che l'ex agricoltore è morto per numerose coltellate: una, quella fatale, all'addome e altre sei tra il torace e il collo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA