Genzano, investe un ciclista bengalese e fugge: anziano denunciato dalla polstrada

Venerdì 27 Dicembre 2019 di Chiara Rai
La bici del bengalese viene portata al deposito giudiziario
Investe un ciclista e tira dritto. Ma grazie all’intervento di due testimoni viene fermato e denunciato dalla polizia stradale di Albano Laziale per omissione di soccorso e lesioni stradali. Il grave incidente si è consumato il giorno di Natale intorno alle 18,30 in via Fatebenefratelli a Genzano, una strada passata alle cronache per il suo stato di degrado. Un anziano, 78 anni, di Genzano, alla guida di una Toyota Yaris, ha preso in pieno un ciclista del Bangladesh che viaggiava nella sua stessa direzione. Il conducente dell’auto si è allontanato. Sul posto per i rilievi sono intervenuti gli agenti della stradale di Albano, una volante della polizia di Genzano e un’ambulanza del 118 che ha portato il ciclista in codice rosso al Nuovo ospedale dei Castelli (Noc).
Per fortuna a soccorrere l’uomo di mezza età ci ha pensato una coppia di fidanzati di Genzano, entrambi di 28 anni, i quali sono riusciti a prendere la targa dell’auto guidata dall’anziano. La testimonianza tempestiva resa dai due al commissariato di Genzano subito dopo aver soccorso il ciclista, ha reso possibile di rintracciare il conducente dell’auto che si trovava in via Italo Belardi, dopo un paio d’ore dal brutto incidente. L’uomo avrebbe dichiarato ai poliziotti di non essersi accorto di aver investito il ciclista nonostante il violento scontro.
«Non mi sono reso conto di aver colpito quell’uomo», avrebbe detto l’anziano agli agenti. Il guidatore è stato denunciato per omissione di soccorso e lesioni aggravate. La strada, nel tratto tra il distributore e l’ospedale Fatebenefratelli fratelli, è molto buia e pericolosa. Difatti si sono già verificati numerosi altri incidenti a causa della scarsa visibilità e della mancanza di adeguata segnaletica verticale e orizzontale. Gli agenti, tornati per un ulteriore sopralluogo, hanno trovato anche dei pezzi dello specchietto rotto della Toyota Yaris. Il veicolo è stato sequestrato. Molteplici i disagi al traffico, con la circolazione congestionata e ripercussioni anche nelle strade limitrofe al corso principale della città dell’Infiorata.
Le condizioni del ciclista sono gravi sebbene i sanitari abbiano sciolto la prognosi. L’uomo è ancora sotto choc per quanto gli è accaduto: «Ha rischiato di morire poverino, poi il fatto che l’auto non si sia fermata per soccorrerlo è veramente grave. Se fosse successo a lui che cosa avrebbe pensato? Sicuramente non è stato un buon esempio civico», ha commentato un residente del posto. Il ciclista viaggiava con indosso il giubbino catarifrangente e la lucetta accesa, davvero difficile non accorgersi della sua presenza in strada.
Poco tempo fa si è scatenato il panico sempre sulla stessa strada: una ragazza di 29 anni è rimasta avvolta dalle fiamme nell’abitacolo dell’auto dopo essersi accesa una sigaretta. L’incendio dopo che la giovane aveva fatto rifornimento di Gpl ad un distributore poco distante. Poi la fiammata, con la donna trasportata in codice rosso. Sempre qualche tempo fa un altro incidente ha animato il corso di Genzano. Una donna di 48 anni al volante di una Rav 4 Toyota ha perso il controllo e dopo aver centrato ben quattro macchine parcheggiate si è ribaltata. Sono intervenuti il 118 e gli agenti della polizia di Genzano. La donna che abita poco distante, è stata trasportata al nuovo ospedale dei Castelli con numerosi traumi. Disagi per il traffico, i rilievi sono stati svolti dalla polizia stradale di Albano. © RIPRODUZIONE RISERVATA