CORONAVIRUS

Go-track, pronta l'App dell'Ordine dei medici di Roma per tracciare i contagiati

Sabato 25 Aprile 2020 di Francesco Pacifico
Tracciamento dei positivi e servizi di telemedicina grazie a

Arcuri: "App Immuni indispensabile, alternativa sono ancora misure contenimento»Si chiamerà "Go-track" l'App dell'Ordine dei medici di Roma per monitorare i casi dei contagiati da coronavirus nella Capitale e nella sua città metropolitana. Ma rispetto a quella nazionale - "Immuni" - la piattaforma ha ambizioni più ampie: vuole diventerà il principale erogatore di telemedicina nel Lazio, tra visite on demand e rilascio di certificati e di prescrizioni per i farmaci senza dover affollare gli studi dei medici di famiglia.

Coronavirus, Arcuri: 4 maggio via a test sierologici, mascherine a prezzo fisso
Coronavirus, arriva la app "rivale" di Immuni: è già stata scaricata migliaia di volte

Lunedì 27 aprile l'Ordine delibererà il suo lancio, nel tentativo di rendere disponibile lo strumento - cioè scaricabile su dispositivi iOs e Android - già dal 4 maggio. Anche perché l'App è pronta (è stata realizzata dalla software house dell'ente) e mancano soltanto l'ultimo avallo della Regione Lazio e il via libera del garante della privacy. 

Come detto, la prima funzione di Go-track sarà monitorare i pazienti contagiati da coronovirus, soprattutto per seguire gli asintomatici che non necessitano di ricovero in ospedale. Con il tracciamento, si conosceranno le zone dove sono presenti i malati. In quest'ottica, e per gli utenti sani, sarà introdotto anche un alert che segnala (senza diffonderne le generalità) la presenza di possibili focolai nelle vicinanze.
 

Ma l'App sarà soprattutto un erogatore di servizi di telemedicina, aperta a tutti i residenti del Lazio. Mai come in questa fase i cittadini si tengono lontani da ambulatori e ospedali con il rischio di non avere diagnosi veloci e ridurre i controlli all'interno delle terapie di mantenimento.

«Con il rischio - spiega il presidente dell'Ordine di Roma, Antonio Magi - di peggiore delle situazioni che diversamente sarebbero più facili da affrontare».

Visite online attraverso i diversi device, monitoraggio sui parametri, ma anche la possibilità di chiedere e ricevere in maniera digitale prescrizioni, ricette e certificati online senza dover andare allo studio del medico di famiglia. «La nostra App - conclude Maggi - dialogherà con quella nazionale Immuni. Ma non guarda soltanto alla fase 2 per monitorare i casi di Covid asintomatici e conclamati. Guardiamo al futuro, a quando sarà finita l'emergenza, per assistere meglio e in maniera più capillare tutti i pazienti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA