Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ballottaggi, Lazio in controtendenza: meglio il centrodestra nei capoluoghi. Tutti i risultati

Da Ciampino a Cerveteri, ecco l'andamento del voto

Chiara Fortini, nea sindaca di Viterbo
di Francesco Pacifico
4 Minuti di Lettura
Lunedì 27 Giugno 2022, 14:43 - Ultimo aggiornamento: 28 Giugno, 13:15

Lazio in controtendenza rispetto al resto del Paese alle ultime amministrative: il centrosinistra perde nei tre principali capoluogo al voto, il centrodestra vince quando sa stare unito. Ed è questo forse il dato più importante anche in prospettiva della prossima vera partita locale: le Regionali del marzo 2023, quando si dovrà scegliere il successore di Nicola Zingaretti.

I NUMERI Partiamo dai numeri. Ai ballottaggi nel Lazio del 27 giugno tre città vanno al centrodestra (Frosinone, Ardea e Sabaudia), due al centrosinistra (Ciampino e Cerveteri), due ai civici (Viterbo e Guidonia Monticello). Ma su questo fronte, nel primo caso la vincitrice Chiara Fortini, pur avendo nel suo schieramento anche pezzi di sinistra, nasce a destra e nell'ultima parte della campagna elettorale ha ottenuto l'appoggio anche di Fratelli d'Italia. Mentre a Guidonia Monticello l'eletto Mauro Lombardo, ha un passato in Alleanza nazionale e in Fratelli d'Italia, ma ha battuto il centrodestra anche con l'endorsement del Pd. Bassissima l'affluenza: nel Lazio domenica ha votato il 39,66, quasi 4 punti rispetto al 42,20 nazionale e quasi 14 punti in meno rispetto al 53,91 del 12 giugno.

IL CENTROSINISTRA Più in generale, e guardando sia l'esito del primo turno sia quello del ballottaggi, il campo largo lettiano sembra aver avuto maggiore forza a Frosinone (Domenico Marzi è riuscito comunque a portare al ballottaggio il fortissimo Riccardo Mastrangeli), mentre il centrosinistra ha scontato la scomparsa dei Cinquestelle ai Castelli, dove pure si è ripresa suoi storici feudi come Ciampino e Grottaferrata. Anche se il segretario regionale del Pd, Bruno Astorre, ha ricordato che i dem sono il primo partito del Lazio, lo schieramento ha pagato a caro prezzo le divisioni a Viterbo e a Rieti.  

Ballottaggi. Letta: «Governo più forte». M5S, voto sul terzo mandato

IL CENTRODESTRA Il centrodestra, dal canto, suo può cantare vittoria nel Lazio dove si è presentato unito (Rieti e Frosinone). La vittoria della civica targata Fortini a Viterbo fa intendere nel Lazio che il vento politico va in questa direzione. FdI avanza, ma contemporaneamente il partito di Giorgia Meloni - per realizzare i suoi propositi - deve fare i conti con la debolezza degli alleati, Lega e Forza Italia.

VERSO LE REGIONALI Proprio questo scenario cambia le cose in prospettiva delle Regionali. Nel centrosinistra non tutti sono concordi dall'andare alle primarie con tre candidati forti (Alessio D'Amato, Enrico Gasbarra e Daniele Leodori). Sul fronte opposto Fratelli d'Italia, a differenza di quanto ha fatto alle scorse comunali a Roma, deve trovare un candidato forte che sappia parlare anche ai moderati.

ROMA Nella provincia romana, al ballottaggio, si è votato a Guidonia e in tre centri dell'area dei Castelli (Ardea, Ciampino e Cerveteri). A Guidonia vince il civico con trascorsi a destra, Mauro Lombardo. Con quasi 11mila voti ha battuto con il 59,92 per cento Alfonso Masini del centrodestra. Questo schieramento di riprende Ardea: Maurizio Cremonini Ardea torna al centrodestra dopo la la parentesi grillina. Maurizio Cremonini (51,6 per cento) prevale con quasi 400 voti su Lucio Zito Del Centrosinistra (48,4 per cento). Resta invece al fronte progressista Cerveteri: Elena Maria Gubetti (53 per cento) ha avuto la meglio su Alessio Pascucci (47 per cento). Ribaltone a Ciampino: Emanuele Colella (56,4 per cento) sconfigge per 43,6 per cento la sindaca uscente Daniela Ballico.

VITERBO Chiara Frontini, alla testa di una serie di civiche molto trasversali, ieri al ballottaggio ha quasi doppiato i voti della sfidante Alessandra Troncarelli, assessora regionale della giunta Zingaretti: 16.160 contro 8.734. La Frontini al primo turno aveva impedito ai candidati di centrodestra di arrivare al ballottaggio. Alla sua maggioranza 20 seggi in consiglio comunale.

Ballottaggi, rimonta del centrosinistra: vince in 7 città su 13. Tommasi conquista Verona, cdx primo a Lucca

FROSINONE Con 2mila voti Riccardo Mastrangeli del centrodestra ha battuto Domenico Marzi del centrosinistra: 55,3 per cento contro il 44,7 per cento. Mastrangeli aveva sfiorato la vittoria già al primo turno. Nel futuro consiglio comunale 20 seggi alla maggioranza, 9 alle opposizioni.

LATINA Al ballottaggio domenica una delle mete turistiche più famose d'Italia, Sabaudia: Alberto Mosca - appoggiato da un fronte centrista allargato tra Forza Italia, Udc e calendiani - vince con il 52,9 per cento contro Maurizio Lucci, fermo al 47,1.

© RIPRODUZIONE RISERVATA