Ariccia e Colleferro, trovate tredici slot machine illegali

Martedì 25 Febbraio 2020 di Enrico Valentini
Ariccia e Colleferro, trovate tredici slot machine illegali
Tre sale giochi controllate, undici slot machine “fantasma” completamente irregolari, tremila euro sequestrati e sanzioni amministrative per oltre 130 mila euro con la riserva di una possibile denuncia penale a carico dei gestori delle attività e la proposta di revoca della licenza. Questo il bilancio dell’operazione gioco sicuro condotta dalla guardia di finanza di Velletri, Colleferro e Frascati in alcune sale gioco non aperte al pubblico di Ariccia, Colleferro e San Cesareo nell’ambito dei controlli per verificare la correttezza fiscale delle macchinette “mangia-soldi” e la loro regolarità sulle probabilità di vincita. Dal blitz delle fiamme gialle, al quale hanno partecipato anche i colleghi dell’Agenzia dei Monopoli, sono risultate regolari solo le slot attivate nella sala giochi di San Cesareo, mentre alla periferia di Ariccia i militari di Velletri hanno trovato otto apparecchi non collegati ai dispositivi dei Monopoli e altre tre sono state individuate in una sala avviata dalla stesso gestore, un napoletano 60enne residente a Grottaferrata già noto per precedenti specifici. Le macchinette, oltre a sfuggire ai controlli dell’erario, risultavano essere state rottamate negli anni scorsi: in pratica i dispositivi non avevano più i requisiti per lavorare regolarmente perché privi di qualsiasi documento di “circolazione” nei circuiti delle sale da gioco.
Le slot “fantasma” continuavano, invece, a lavorare nelle due sale di Ariccia e Colleferro seppur sprovviste dei tre certificati fondamentali per la messa in attività: il documento di conformità, il nulla osta di distribuzione e il nulla osta di messa in esercizio. Un danno per il fisco che stando ad un primo, sommario, inventario ammonterebbe a diverse centinaia di migliaia di euro, anche se al momento non è facile risalire con certezza alla data dell’effettivo avvio di ogni singola macchinetta. Il gestore delle due sale di Ariccia e Colleferro è stato multato per le vie brevi di circa 95 mila euro ad Ariccia e per oltre trentamila euro nella sala di Colleferro, importi questi validi se si pagano le dovute sanzioni entro i prossimi 60 giorni. In caso contrario si procederà con la chiusura degli esercizi che comunque saranno presto anche al vaglio della questura di Roma per l’eventuale revoca della licenza di pubblica sicurezza. Trascorsi i 60 giorni, le multe saranno ancor più salate: fino a cinquantamila euro a macchinetta. Sequestrati anche tremila euro in contanti ritrovati all’interno delle macchinette illegali e i telecomandi con i quali il gestore, a distanza e senza destare alcun sospetto, spegneva i dispositivi in caso di controlli degli operatori o per interrompere il gioco dei clienti indesiderati per i più vari motivi. In attesa che i tecnici della Sogei, una società del ministero dell’Economia e delle Finanze, eseguano la perizia delle slot e accertino, per quanto possibile, il vorticoso volume di affari che il titolare delle sale era riuscito a nascondere al fisco, le macchinette sono state poste sotto sequestro e sigillate all’interno dei locali. I blitz dei finanzieri, condotti a stretto contatto con i colleghi dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli di Stato, sono scattati poco dopo le 10 del mattino quando le sale non sono particolarmente affollate. Pochissimi, infatti, i giocatori trovati all’interno dei locali.
Per entrare, i finanzieri hanno dovuto usare non poca cautela anche per evitare di essere riconosciuti e per non consentire al gestore di spegnere con il telecomando le macchinette fasulle. La perizia della Sogei, infine, dovrà accertare anche se le slot erano tarate per diminuire notevolmente le possibilità di vincita dei giocatori. Le indagini continuano a vasto raggio visto che sul territorio dei Castelli Romani, anche se in diminuzione rispetto al boom di sale degli anni scorsi, sono presenti decine e decine di attività per il gioco delle slot e delle video lotterie. L’operazione delle compagnie della guardia di finanza a sud della Capitale segue un analoga operazione segue il recente maxi sequestro coordinata dalla GdF di Torino che ha elevato sanzioni per oltre dieci milioni di euro nell’ambito dell’operazione Corallo che ha portato a sanzionare per oltre 20 milioni di euro centinaia di gestori che utilizzavano oltre tremila schede manomesse.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani