Ardea, attentato incendiario alla sede dei Servizi Sociali: all'interno tracce di benzina

Lunedì 25 Maggio 2020 di Stefano Cortelletti
I vigili urbani davanti alla sede dei Servizi Sociali di Ardea danneggiata dal fuoco
Ancora un incendio doloso agli uffici comunali di Ardea. Otto anni dopo le fiamme che distrussero l’ufficio tecnico, l’altra sera il fuoco ha danneggiato pesantemente la sede dei servizi sociali, ospitati presso l’ex autoparco in via Camilla, a ridosso del centro storico. Ad accorgersi delle fiamme sono stati alcuni residenti dei palazzi vicini, che hanno chiamato i vigili del fuoco del distaccamento di Pomezia. Dopo circa un’ora di lavoro, l’incendio è stato domato ma non è stato possibile salvare gran parte della documentazione custodita nell’archivio degli uffici. 
Evidente la matrice dolosa dell’incendio: sono state trovate tracce di liquido infiammabile. In questi giorni i servizi sociali sono nel mirino per i ritardi con cui vengono distribuiti i buono spesa alle famiglie colpite dall’emergenza economica a causa del coronavirus. Le indagini sono demandate alla Polizia locale di Ardea, che dovrà cercare di chiarire i motivi di questo gesto. «Nel corso degli accertamenti, durante il sopralluogo, non si è avuto modo di notare segni di effrazione alle porte di accesso, e neanche alle finestre – spiega il comandante della Polizia locale Sergio Ierace - le indagini proseguiranno in tutte le direzioni, non si esclude la possibilità che l’incendio sia stato appiccato da soggetti senza specifici obiettivi, ma solo per una bravata». Fortunatamente gran parte della documentazione relativa ai servizi sociali era stata già trasferita presso la sede comunale di via Laurentina, dove si trova l’aula consiliare. 
I danni, insomma, potevano essere ben più gravi e mandare in crisi l’intero sistema assistenzialistico del comune di Ardea. Poco prima dell’incendio, erano stati identificati dagli agenti della municipale alcuni giovani che di solito trascorrono il loro tempo proprio nei pressi degli uffici andati a fuoco. «Partiremo da tali identificazioni per approfondire i fatti accaduti - conclude il comandante - già sono stati sentiti dipendenti comunali che avevano l’accesso nel luogo oggetto dell’incendio, insieme alla responsabile dei servizi sociali per capire meglio l’accaduto». Un fascicolo per incendio doloso è stato aperto presso la procura della Repubblica di Velletri. L’intera struttura, che non avrebbe subito danni dall’incendio, è stata posta sotto sequestro. Le indagini non potranno fare affidamento alle immagini delle telecamere di videosorveglianza, visto che la zona ne è sprovvista. Il 6 ottobre 2012 un incendio ha distrutto tutto l’archivio dell’ufficio tecnico comunale, ospitato in uno stabile privato sulla Laurentina. Vennero distrutti gran parte degli atti relativi all’abusivismo edilizio di Ardea. I responsabili non furono mai identificati.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani