Roma, alla camera ardente di Aiuti i figli e gli amici, nessun politico

Venerdì 11 Gennaio 2019
Poesie e parole per ricordare Fernando Aiuti. Tante le persone che si sono ritrovate oggi alla camera ardente per dare l'ultimo saluto all'immunologo e professore de La Sapienza, scomparso mercoledì 9 gennaio. Nell'aula A di Patologia generale, in viale Regina Elena 324, arrivano giovani, studenti, tanti colleghi dell'università. Nessun politico era presente alla commemorazione.

Accanto al professore Rosaria Iardino - la donna del bacio contro i pregiudizi - i i figli Simone e Alessandro. La figlia Olivia mostra una poesia di Madre Teresa di Calcutta, con lei il professore ha lavorato tanti anni, e insieme hanno aiutato i giovani malati di Aids.  I funerali si terranno sabato 12 gennaio alle 10.30, nella cappella della Divina Sapienza, Città Universitaria, Sapienza Università di Roma, Piazzale Aldo Moro 1.

Fernando Aiuti era ricoverato al policlinico Gemelli. Sulla sua morte è stata aperta un’inchiesta della procura della Repubblica che punta ad accertare se si sia trattato di morte naturale o di suicidio. Quello che si sa per certo è che Aiuti è stato ritrovato a terra in seguito a una caduta dalle scale: questa la versione dell’ospedale. La polizia, giunta sul posto alle 11,20 di mercoledì mattina, parla chiaramente di un gesto volontario.
Ultimo aggiornamento: 16:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«In consiglio non veniamo», rifiuto al quadrato sui rifiuti

di Simone Canettieri