Roma, dopo la strage sfiorata a Colli Portuensi? Le strisce pedonali sono già sparite

Roma, dopo la strage sfiorata a Colli Portuensi? Le strisce pedonali sono già sparite
2 Minuti di Lettura
Martedì 13 Giugno 2017, 17:56 - Ultimo aggiornamento: 17:57

Era il 29 maggio scorso: una Smart impazzita piombava su 5 pedoni che stavano attraversando sulle strisce, in via dei Colli Portuensi, angolo con via di Monteverde.

A due settimane di distanza dall'incidente, nel luogo dove una donna sotto l'effetto di droga e priva di patente, ha fatto strage di pedoni (due gravi), le strisce pedonali subito interessate dall'intervento di rifacimento sono già quasi scomparse. Eppure sono passati pochissimi giorni. «Una durata vergognosamente breve, che ci impone di approfondire una vicenda collegata con la sicurezza stradale e dei cittadini - segnalano i consiglieri di Fratelli d'Italia al Municipio XII Giovanni Picone e Marco Giudici - Le strade del territorio di Monteverde sono di nuovo in uno stato di abbandono e trascuratezza inaccettabili e il tema della scarsa qualità dei materiali impiegati per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade, nello specifico della vernice utilizzata per la riverniciatura delle strisce pedonali, è evidente e sotto gli occhi di tutti. Per questo abbiamo già depositato una interrogazione al fine di ottenere trasparenza e chiarezza sul bando attivo, e denunciare la totale inefficacia degli interventi urgenti
sulle strisce pedonali che hanno contraddistinto il quadrante». E Fabrizio Santori, consigliere regionale di FdI aggiunge: «La sindaca Raggi aveva promesso in campagna elettorale un controllo ferrato sugli appalti. L'ennesima promessa da marinaio di un M5S sempre più incapace di governare».

Non solo Monteverde, le strisce pedonali sempre più sbiadite, restano un problema in tutta la città. Singolare quanto avvenuto nella piazza intorno a San Giovanni, dove solo un attraversamento pedonale brilla candido sotto il sole, appena rifatto. Per gli altri, forse, era finita la vernice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA