Perseguita e picchia la ex, uomo di 42 anni arrestato a Cinecittà

Perseguita e picchia la ex, uomo di 42 anni arrestato a Cinecittà
2 Minuti di Lettura
Domenica 27 Luglio 2014, 15:39 - Ultimo aggiornamento: 15:40

Le urla della donna, la segnalazione al 112 di alcuni vicini, infine i Carabinieri che bloccano l'ennesimo stalker mentre insegue l'ex compagna in preda alla rabbia. Lo hanno fermato così, in via Marco Fulvio Nobiliore, a Roma, i militari della Stazione Roma Cinecittà e quelli della Compagnia Speciale. In manette un romano di 42 anni, separato, disoccupato e con diversi precedenti penali, già sottoposto alla misura di prevenzione dell'avviso orale per atti persecutori, porto abusivo di arma con matricola abrasa, detenzione e porto di pistola con matricola abrasa, porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere e ricettazione.

L'uomo si è presentato di mattina a casa della ex fidanzata, una romana di 39 anni, anche lei separata, perchè non accettava la fine della loro relazione. Così dopo l'ennesimo rifiuto, preso da un raptus, l'ha aggredita e picchiata, poi l'ha colpita alla testa con il calcio di una pistola. La vittima è riuscita a divincolarsi, a scappare da una finestra dell'appartamento e a fuggire a piedi in strada. Sono stati i vicini e i passanti a chiamare il 112.

In pochi minuti i militari sono giunti sul posto con diverse pattuglie, riuscendo a bloccare lo stalker. La donna è stata soccorsa e portata all'ospedale Vannini, dove i medici le hanno riscontrato una contusione non commotiva del capo, contusioni varie sulle gambe e sulle braccia: è stata dimessa con 6 giorni di prognosi. Nell'appartamento della donna i militari hanno trovato e sequestrato la pistola marca Forjas Taurus modello Millenium con 5 colpi nel caricatore, usata dall'ex compagno per colpirla.

Nel vano sottosella dello scooter dell'uomo c'erano una roncola con la lama di 40 centimetri e un manganello in legno. L'uomo dopo l'arresto è stato portato nel carcere di Regina Coeli, dove rimarrà a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA