Movida, in arrivo la stretta anti-alcol: vietato bere anche di pomeriggio

Movida, in arrivo la stretta anti-alcol: vietato bere anche di pomeriggio
di Lorenzo De Cicco
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Luglio 2015, 04:24 - Ultimo aggiornamento: 09:19

I divieti anti-alcol diventano permanenti e per la prima volta, in alcuni quartieri, scatteranno di pomeriggio. In Campidoglio sono pronti due provvedimenti contro la movida sregolata che attanaglia tante strade del centro storico: si tratta del nuovo Regolamento della polizia urbana e di un'ordinanza ad hoc per l'Esquilino, dove già a settembre gli alcolici dovrebbero diventare off-limits a partire dalle 17. Una sperimentazione, intorno a piazza Vittorio, che poi potrebbe estendersi anche ad altre zone della città.

I due provvedimenti hanno iniziato l'iter amministrativo venerdì scorso, quando sono stati portati in giunta da Rossella Matarazzo, la delegata del sindaco alla Sicurezza. L'obiettivo è arrivare all'approvazione entro la fine dell'estate, dopo il vaglio dagli assessorati competenti.

Per la prima volta diventeranno permanenti i divieti che negli ultimi anni sono stati prescritti solo durante l'estate attraverso ordinanze emergenziali firmate dal sindaco. Con una novità: rispetto all'ordinanza attiva da metà giugno, sarà anticipato di un'ora lo stop «al consumo di bevande alcoliche nelle strade pubbliche», che scatterà alle 23 anziché a mezzanotte. Resta invece dalle 22 alle 7 il divieto di consumare all'aperto alcolici in contenitori di vetro e nello stesso orario anche pub, ristoranti e minimarket non potranno vendere bevande alcoliche ai clienti. E l'interdizione verrà applicata anche ai distributori automatici. Dalle 2 alle 7 i locali non potranno più neanche somministrare gli alcolici.

LE SANZIONI

Chi non rispetta le regole rischia multe sempre più salate. Per i clienti la sanzione passa dai 150 euro previsti dalle vecchie ordinanze ai 200 euro stabiliti dal nuovo regolamento. Per i titolari degli esercizi commerciali invece la sanzione sale da 280 a 350 euro. In caso di recidiva poi è prevista la chiusura del locale per tre giorni.

I quartieri dove applicare le interdizioni saranno decisi dai municipi. Si parte da quelli indicati dall'ultima ordinanza: quindi da Prati a Castro Pretorio, dall'isola Tiberina alle banchine del Tevere, da Campo de' Fiori a piazza Navona, Monti, Celio, Trastevere, Testaccio fino a Prati. E ancora: Montesacro, San Lorenzo, stazione Tiburtina, piazza Bologna, Pigneto, Marranella, Torpignattara, Ostiense, Ostia e Ponte Milvio.

«Il bilancio positivo delle ordinanze emanate negli ultimi anni ha comportato un miglioramento della qualità della vita nei quartieri interessati dal provvedimento - spiega la Matarazzo - Per questo l'amministrazione ha deciso di non far più ricorso a misure straordinarie, individuando misure più idonee in via ordinaria».

PUB CRAWL FUORILEGGE

Il nuovo regolamento metterà definitivamente al bando anche i pub crawl, i tour alcolici per turisti, già sospesi nell'estate del 2012 dopo la morte di un australiano caduto da un ponte sul Tevere al termine di un folle giro per locali. Anche i clienti d'ora in poi potranno essere puniti. «Salvo i casi espressamente autorizzati - si legge nel provvedimento - sono vietati su tutto il territorio l'organizzazione, anche attraverso internet, la partecipazione e l'adesione a tour di locali finalizzati esclusivamente al consumo di alcolici».

Ma la vera novità è che i divieti anti-alcol debutteranno per la prima volta anche «nelle ore diurne». Insieme al Regolamento infatti è allo studio un'ordinanza per alcune strade dell'Esquilino, dove l'interdizione all'alcol scatterà già nel pomeriggio (dalle 17, secondo le prime ipotesi). Se la sperimentazione funzionerà i divieti pomeridiani saranno estesi anche ad altri quartieri.

lorenzo.decicco@ilmessaggero.it