Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ipa, attese infinite per i comunali: ecografie nel 2019

Ipa, attese infinite per i comunali: ecografie nel 2019
di Laura Bogliolo
2 Minuti di Lettura
Venerdì 20 Ottobre 2017, 08:12 - Ultimo aggiornamento: 15:49
«Ho bisogno di essere sottoposta a una ecografia alla tiroide: ho chiesto un appuntamento e mi hanno detto che la prima data disponibile è il 24 aprile del 2019». B.M., dipendente comunale, racconta la sua odissea. Non stiamo parlando delle liste d'attesa presso le Asl pubbliche, ma delle prestazioni erogate dall'Istituto di Previdenza ed Assistenza (Ipa) dei dipendenti comunali: 30.000 iscritti che ogni anno pagano in media 400-450 euro. B.M. dovrà aspettare aprile 2019 anche per una visita specialistica endocrinologica e soltanto il primo ottobre del 2018 potrà essere sottoposta a un ecocardiogramma.
E c'è chi sta anche peggio: al momento sono sospesi, non erogati, esami fondamentali come la mammografia e il pap test. Nessuna prestazione anche nel campo della piccola chirurgia. Alla base dei ritardi, tra i diversi fattori, c'è la sospensione delle convenzioni con diversi centri esterni disposta da Fabio Serini, commissario dell'Ipa, nominato a maggio con ordinanza del sindaco Virginia Raggi.
«Le convenzioni sono state sospese perché c'era stato un affidamento diretto» spiega Serini che sta in pratica seguendo la linea dettata da Raggi: ad agosto il sindaco aveva presentato un esposto alla Procura su convenzioni sanitarie e accessi al credito sospetti. «Adesso stiamo facendo delle gare, uscirà a ore un bando - aggiunge Serini - che ci consentirà, se saremo bravi, di riprendere anche la piccola chirurgia entro novembre e soprattutto i pap test».

GRAVI DISAGI
Anche Serini ammette: «Nelle ultime settimane abbiamo raccolto, grazie ai nostri numerosi canali (profili social e mail dedicate), tante segnalazioni da parte dei nostri iscritti su questo tipo di criticità al Centro medico preventivo. Proprio per questo sto accelerando la ricerca di una soluzione, venerdì ho incontrato il sindaco Raggi e abbiamo convenuto e condiviso un progetto che tra qualche giorno sarà presentato». Verranno attivate «nuove convenzioni con settori specialistici ma le decisioni vanno prese nel rispetto della legalità e con un occhio attento ai costi». C'è poi la questione relativa al passato «la fase in cui l'istituto non aveva autorizzazioni, fatto che ha determinato l'arresto delle attività per diversi mesi». Nel frattempo le prestazioni sono ridotte all'osso. «A giugno ho fatto un check-up, mi hanno fissato una visita specialistica ad aprile del 2018» dice Franco Cirulli, rappresentante Uil della Polizia Locale di Roma Capitale. «La situazione è critica - aggiunge Mauro Cordova, presidente Arvu Europea dei vigili - ormai si aspettano mesi per una prestazione, l'Ipa è un istituto che conosco molto bene visto che il primo commissariamento partì grazie a una nostra denuncia». Erano gli anni dell'amministrazione guidata da Gianni Alemanno che dispose il commissariamento dell'ente previdenziale del Comune finito al centro di inchieste su costi di bilancio e consulenze sospetti.