Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Gianicolo sprofonda nel degrado, fra erbacce e turisti con i piedi nel fontanone

Il Gianicolo sprofonda nel degrado, fra erbacce e turisti con i piedi nel fontanone
di Alessandro Tittozzi
3 Minuti di Lettura
Martedì 7 Luglio 2015, 15:41 - Ultimo aggiornamento: 19:21

Dovrebbe essere una delle passeggiate più belle di Roma. Quella che dal Lungotevere arriva fino al Gianicolo. Una di quelle strade che percorrendola ti fa innamorare della Capitale, del suo sky-line, dei suoi tetti e di quelle migliaia di lucine che di notte illuminano i monumenti più belli del mondo. E magari ti aiuta anche a conquistare il cuore della persona amata semplicemente guardando il panorama mozzafiato.

Ma da qualche mese questa “grande bellezza” non esiste più. Percorrendo oggi la passeggiata del Gianicolo ci si accorge solo dell’erbaccia alta e bruciata che ormai copre le statue risorgimentali, dei rifiuti disseminati sulle aiuole e intorno ai cestini, dei marciapiedi divelti e dei bivacchi intorno a piazzale Garibaldi.

Il pino secolare di 150 anni caduto il 20 giugno scorso è ancora lì. Il tronco è stato tagliato nella parte superiore, ma c’è ancora la parte inferiore con le radici in bella vista e una buca di mezzo metro senza recinzioni che potrebbe far cadere anziani o bambini con gravi ripercussioni sulla salute.

Il Servizio Giardini del Campidoglio sembra aver cancellato dalla sua mappa l’area verde del Gianicolo. Uno scenario disgustoso che fa inorridire i romani e le migliaia di turisti che ogni giorno prendono d’assalto il salotto di Roma per visitare il mausoleo garibaldino o semplicemente per farsi una foto ricordo.

Tralasciando l’abusivismo commerciale con decine di mercanti fastidiosi pronti a tutto pur di venderti una rosa o un giocattolino, la cosa che più colpisce è l’abbandono totale della piazza.

Di vigili urbani e di forze dell’ordine nemmeno l’ombra, eppure non sono stati pochi gli episodi di cronaca che hanno visto proprio nel Gianicolo l’arena preferita di sbandati e senzatetto dove confrontarsi senza limiti (su una curva della passeggiata fu ucciso nel febbraio del 2014 un romano di 33 anni dopo essere stato aggredito da un indiano con un cacciavite).

Dulcis in fundo la spettacolare fontana dell’Acqua Paola celebrata nelle canzoni di Antonello Venditti e nel film “La Grande Bellezza “di Paolo Sorrentino, vincitore come miglior film straniero al Festival di Cannes 2013.

Il meraviglioso fontanone è diventato ormai la vasca dove fare il pediluvio in queste giornate di caldo e afa; ogni sera qualche turista passa il suo tempo a lavarsi i piedi nel monumento del 1600.

Ma nessuno controlla, nessuno si interessa di curare il grande parco del Gianicolo, teatro dell’eroica difesa della Repubblica Romana contro i francesi.

Almeno per loro un po’ di rispetto.