Al Car impiegati in nero minori
delle case famiglia del Campidoglio

(Foto Paolo Rizzo - Toiati)
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 18 Dicembre 2013, 17:48 - Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre, 00:26

Sono decine e decine i minori trovati a lavorare in nero nel corso dell'operazione condotta dalla polizia locale di Roma Capitale del Gruppo sicurezza pubblica ed emergenziale (Spe) all'interno del Car. Gli investigatori hanno rilevato che la maggior parte dei minori - in prevalenza originari del Bangladesh e dell'Egitto - sono ospiti dei centri di accoglienza e delle case famiglia gestite dalle Politiche sociali del Campidoglio.

L'attività di contrasto allo sfruttamento del lavoro nero minorile, delegata dalla Procura di Tivoli, avviata di concerto con il tribunale dei minorenni.

I minorenni, quotidianamente impiegati da imprenditori italiani e dettaglianti stranieri - per lo più fruttivendoli egiziani - vengono utilizzati con compiti di carico e scarico delle merci ortofrutticole, per un salario mensile compreso tra i 100 e i 150 euro. L'operazione della polizia locale di Roma si svolge in piena collaborazione con i servizi di sicurezza interni Car e proseguirà nei prossimi giorni, secondo le direttive impartite dal Comando generale del corpo.

Il dipartimento delle politiche sociali Il dipartimento delle politiche sociali - fanno sapere dall'assessorato - ha avviato una serie di controlli su alcuni minori, individuando situazioni . Grazie anche alle nostre segnalazioni è stata avviata questa importantissima indagine. Segno che l'attività di controllo sta funzionando.

Il Car «Siamo molto contenti dei controlli di oggi da parte della Polizia locale che hanno portato all'accertamento delle violazioni sul lavoro nero e minorile al Centro agroalimentare». Così Massimo Pallottini, amministratore delegato del Car, ha commentato l'operazione che ha portato alla denuncia di alcuni imprenditori, anche italiani, per sfruttamento della manodopera dei minori. «L'iniziativa - sottolinea Pallottini - è stata portata avanti dai Vigili su impulso e con la collaborazione del Car, anche grazie alle numerose segnalazioni che il Centro ha fatto alle autorità, fra cui il Prefetto e lo stesso Sindaco, negli ultimi mesi in merito alle violazioni dei commercianti. Ci auguriamo - ha aggiunto l'Ad - che la situazione continui ad essere monitorata, per evitare che casi analoghi si ripropongano in futuro».

«Esprimo la mia soddisfazione e quella dell'amministrazione di Roma Capitale per i controlli effettuati oggi al Car di Guidonia di contrasto al lavoro nero e minorile. Trasparenza e legalità devono sempre essere al centro del nostro agire quotidiano. Per questo mi complimento con il lavoro degli agenti impegnati nella delicata operazione e del comandante della Polizia locale di Roma. Un ringraziamento anche al Car, con cui avevamo sollecitato tali controlli per garantire che venisse assicurata la legalità in questa importante struttura al servizio della città». Lo dichiara, in una nota, l'assessore alla Roma Produttiva, Marta Leonori.