Balduina, un video inchioda la gang:
caccia a 4 ragazzi di 20 anni

Balduina, un video inchioda la gang: caccia a 4 ragazzi di 20 anni
di Elena Panarella e Riccardo Tagliapietra
3 Minuti di Lettura
Martedì 7 Ottobre 2014, 05:48 - Ultimo aggiornamento: 10:02

Il video nonostante l'oscurità è abbastanza nitido. Sono le due di notte di giovedì. Quattro ragazzi sui vent'anni, tutti con indosso una felpa scura, si nascondono tra l'edicola e la tabaccheria di via Lucio Apuleio alla Balduina. Rimangono fermi ad attendere. Sono nervosi. Enrico, 28 anni, sta passeggiando con il cane al guinzaglio. È a pochi metri dall'edicola, quando il gruppetto decide di muoversi. Si calano sul volto sciarpe e cappucci. Comincia la caccia. La vittima capisce al volo, lascia il cane e fugge. La banda lo insegue armata di bastoni. Enrico viene colpito con una sprangata alla schiena. Si accascia. Il ragazzo si copre la faccia con le mani, ma è inutile, viene sfigurato. Lo salva un tassista che aveva fermato l'auto pochi metri più in là per scaricare un cliente. Sono loro, tassista e cliente, a chiamare i soccorsi. Le immagini registrate dalle telecamere della zona non lasciano incertezze, ricostruiscono l'agguato. Nei fotogrammi c'è il volto dei balordi.

LE MINACCE

«Dacci il portafogli», intima di uno dei rapinatori al ventottenne steso a terra dolorante. «Non ce l'ho», risponde lui. «Allora dacci il telefonino», la replica. «Fermi, cosa fate» grida qualcuno quando il taxi si ferma. Dai palazzi scendono i primi residenti per capire cosa è accaduto. Arrivano anche i genitori del ragazzo. Enrico viene stabilizzato dagli infermieri e caricato sull'ambulanza. Al pronto soccorso del Gemelli i medici decidono per l'intervento. La sua vita è in pericolo. L'operazione va a buon fine. Ieri il ragazzo è uscito dalla terapia intensiva, ha parlato con gli investigatori per raccontare la paura e l'orrore di quella notte.

L'ALTRA AGGRESSIONE

Sull'aggressione di via Diano Marino sempre a Monte Mario, a una coppia di fidanzati, invece, non c'è nessun filmato. I protagonisti in questo caso sono da identificare. A dividere i due luoghi delle aggressioni, però, è solo la strada del parco del Pineto, tre chilometri di sterrato che sfila accanto ai palazzi. Anche in questo caso i due fidanzati sono stati presi alla sprovvista da un gruppetto di malviventi sempre a volto coperto. E anche a loro è stato rubato il telefonino e qualche effetto personale. Il tutto, in un territorio dove dal 13 ottobre i commissariati di zona chiuderanno alle otto di sera per riaprire la mattina dopo, lasciando come unico presidio quello di Primavalle. «Sono quattro delinquenti. Hanno provato pure divertimento mentre aggredivano Enrico». Valerio Barletta, presidente del Municipio XIV, usa toni durissimi. Ieri pomeriggio, è andato al Gemelli dove è ricoverato il ventottenne. «Ho voluto portare la mia solidarietà a un ragazzo che ha la mia stessa età - aggiunge il minisindaco - e che si è imbattuto in una gang di vigliacchi».