Roma, segue la moglie con il Gps: poi le coltellate all’amante. Un vicino evita la tragedia

L’indagato ha chiesto di patteggiare una pena di 4 anni e 6 mesi di carcere

Quarticciolo, segue la moglie con il Gps: poi le coltellate all amante. La vittima salvata dal vicino
di Michela Allegri
4 Minuti di Lettura
Domenica 27 Novembre 2022, 23:16

Era convinto che la moglie avesse una relazione con un uomo che lui conosceva e, ossessionato dalla gelosia, ha piazzato un gps sull’auto di lei e ha cominciato a spiare i suoi movimenti. Il pomeriggio del 6 agosto ha avuto quella che per lui era una palese conferma: la macchina della donna era a casa del presunto amante. Così non ci ha pensato due volte: si è presentato nel palazzo del rivale armato di mannaia e, quando lui è uscito dall’ascensore per entrare nel suo appartamento, ha iniziato ad accoltellarlo sul pianerottolo. Non lo ha ucciso solo perché è intervenuto un vicino, attirato dalle grida. Poco dopo il marito geloso è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e ora, per questa vicenda, ha deciso di patteggiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione. Il pubblico ministero titolare del fascicolo, Carlo Villani, ha dato il suo via libera e adesso sarà il gip a decidere, nell’udienza del prossimo dicembre.

Alimenti negati dal marito, donna costretta a chiedere l'elemosina

L’AGGRESSIONE

Sono passati tre mesi e mezzo da quando un trentacinquenne del Quarticciolo ha deciso di trasformarsi in investigatore privato per cercare di smascherare la moglie e il suo amante. Aveva capito che la donna lo stava tradendo e ha cercato di incalzarla per settimane, senza successo. In agosto, ha perso la testa e ha pensato di farsi giustizia da solo: ha messo un gps nella macchina della donna e ha iniziato a spiare ogni suo spostamento. Quando ha visto che l’auto era parcheggiata a casa del presunto amante, ha preso una mannaia dalla cucina - un coltello da macellaio con una lama lunga 30 centimetri - e si è messo in viaggio. Si è presentato a casa del rivale deciso a massacrarlo e c’è quasi riuscito. Sul pianerottolo, proprio davanti all’ascensore, gli è saltato addosso coma una furia e lo ha colpito con violenza «all’addome, al torace, al volto e al capo - si legge negli atti della Procura - compiendo atti idonei a cagionare la morte». Ha continuato a inferire su di lui anche mentre era già steso in terra, senza forze: dopo avergli sferrato alcuni fendenti alla schiena e averlo fatto cadere, si è messo in ginocchio sopra il presunto amante e, immobilizzandolo con le gambe, ha continuato a colpirlo con il coltello da macellaio. Non lo ha ucciso: è stato provvidenziale l’intervento di un vicino di casa che ha intimato all’aggressore di andarsene e poi lo ha colpito alla schiena con un ombrello. La vittima ha riportato ferite gravissime: una delle coltellate ha perforato un polmone. Trasportato in codice rosso al policlinico Umberto I, l’uomo, che ha 39 anni, è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Se il dirimpettaio non fosse andato a controllare sul pianerottolo, attirato dalle urla e dalle richieste di aiuto disperate, però, l’epilogo sarebbe stato molto diverso. La Procura non ha dubbi: l’indagato era deciso a uccidere e non c’è riuscito solo «per cause a lui non imputabili», si legge negli atti.

LA FUGA

Il trentacinquenne è fuggito, lasciando la vittima in un lago di sangue. Il marito geloso è stato arrestato poco dopo, con le accuse di tentato omicidio e di porto abusivo di armi. Incensurato, è stato trovato poco dopo l’agguato in via Locorotondo. Stava cercando di nascondersi. Aveva ancora in mano il coltello e indossava una maglietta sporca di sangue.

© RIPRODUZIONE RISERVATA