Aborto, manifesti choc a Roma: il Campidoglio valuta la rimozione

Aborto, manifesti choc a Roma: il Campidoglio valuta la rimozione
Si muove il Campidoglio sul caso dei manifesti choc contro l'aborto comparsi a Roma. Il Dipartimento Sviluppo Economico del Comune ha inviato richiesta ai vigili urbani di individuare la localizzazione dei manifesti affissi da Citizen Go che riportano lo slogan «L'Aborto è la prima causa di Femminicidio nel mondo».

LEGGI ANCHE: Aborti, in Italia sono sempre meno. Ma a Roma manifesto choc



Obiettivo è avere un report da parte della polizia locale che servirà anche ad accertare la regolarità di tutte le affissioni. In base dossier dei vigili urbani il Campidoglio che ha già condannato ieri il contenuto dei manifesti «valuterà se è percorribile la strada della rimozione», spiega il presidente della Commissione Commercio Andrea Coia.
Martedì 15 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 16-05-2018 15:51

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-05-15 19:06:10
Ritengo che, come c'è la possibilità di abortire, ci debba essere la possibilità di considerarl liberamente come la soppressione di un essere umano che può essere maschio o femmina e che, visto l'alto numero di aborti annuali, sicuramente rappresenta un congruo numero di femminicidi.
2018-05-15 14:04:06
AldilĂ  delle posizioni personali sull'aborto (comunque regolate da legge dello stato) il contenuto del manifesto rientra nel dettato dell'art. 656 c.p. - diffusione di notizie false - va quindi rimosso a prescindere e gli autori denunciati
2018-05-15 19:03:12
perché false? Spiegare
QUICKMAP