Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, caso firme: scintille Pd-M5S. Renzi: non facciamo i grillini

Il Campidoglio
di Fabio Rossi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 27 Marzo 2017, 19:14 - Ultimo aggiornamento: 20:15

E' bufera politica sul caso delle firme per la presentazione delle candidature di Virginia Raggi e della lista del Movimento 5 Stelle per il Campidoglio, sollevato dal capogruppo della Lista Marchini, Alessandro Onorato, alla trasmissione televisiva "Le Iene". «Alla Lista Marchini sta a cuore che la città venga finalmente governata - dice Onorato - I romani hanno votato democraticamente e aspettano che la Sindaca svolga il proprio ruolo con competenza e forza. Ad oggi sono abbandonati al loro destino. Con l'improvvisazione non si va da nessuna parte e questa vicenda delle firme ne è l'ennesima conferma».

Sul tema interviene anche Matteo Renzi: «Non inseguiamo» i 5 Stelle «nel loro atteggiamento di scontro - sottolinea l'ex premier - Se ci sono firme false, lo dirà la magistratura, non una trasmissione televisiva». Il leader del Pd si toglie comunque qualche sassolino dalla scarpa: «È vero, lo sappiamo tutti: se la Raggi avesse avuto la tessera del Pd, il blog di Beppe Grillo l'avrebbe disintegrata ogni giorno con post virali e accuse infamanti. Ma siccome lei appartiene al movimento, loro la difendono - dice Renzi - Bene, ma allora non facciamo noi i grillini. Non inseguiamoli nel loro terreno finto moralista e molto doppiogiochista». La replica arriva dal capogruppo pentastellato in Senato, Carlo Martelli: «Renzi dice che non vuole giudicare Virginia Raggi, ma poi con la sua stessa affermazione alimenta la bufala delle "firme false" a Roma - commenta il senatore grillino - ben sapendo che nel servizio de Le Iene non si parla di nessuna firma falsa. E infatti le firme sono tutte autentiche e certificate dai pubblici ufficiali». Ma la vicenda non si chiude qui, anche perché i protagonisti del servizio televisivo promettono nuovi sviluppi. «L'importante è che non ci facciano rivivere lo stesso copione che abbiamo visto a Palermo. Con parlamentari zitti davanti ai magistrati e accuse infamanti tra grillini - attacca il parlamentare dem David Ermini - Vedremo cosa accade, certo è che sono sempre più il partito della doppia morale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA