Rieti, «Sarai ovunque noi siamo»,
il saluto di Loco Motiva
a Simone Sentinelli

Giovedì 26 Marzo 2020 di Fabiana Battisti
RIETI - Simone Sentinelli, soli 22 anni, è venuto a mancare oggi. Il gigante buono o l'angelo dal sorriso gentile e generoso come lo ricordano tutti in città è stato stroncato da un arresto cardiaco improvviso, lasciando un vuoto incolmabile tra i suoi cari e gli amici fraterni dell'Associazione Loco Motiva.

Grande era il bene che Simone suscitava nelle persone e ancor più grande è stato il cordoglio espresso dai cittadini sui social, unico segno di vicinanza possibile in un tempo emergenziale tanto duro da non concedere spazi per una prossimità umana più confortante e reale dei contatti online.

Così lo ricorda con vivida commozione e profondo dolore Virgilio Paolucci, responsabile della realtà di Sant'Eusanio, approdo sicuro per Simone e i suoi familiari: «Simone ha iniziato un percorso riabilitativo con noi nel 2014. Pur non essendo autistico, ma ne presentava tutte le caratteristiche a livello comportamentale, è stato accolto ed inserito nei programmi di lavoro e nel controllo generale della sua condizione sociale e sanitaria. Le regole, prima di tutto, l'accettazione e la condivisione delle stesse sono state motivo di crescita e di grandi miglioramenti. La sua allegria riempiva gli spazi ed i cuori. Da quasi due anni Simone non frequentava il Centro Sant'Eusanio, solo qualche rara visita, andato così fuori controllo sia negli aspetti di gestione dei comportamenti ossessivi, che in quelli igienico-alimentari. Però come in ogni storia c'è molto di più, ovviamente, e il dettaglio sta in quello che caratterizza la vita di centro diurno; la frequentazione quotidiana diventa relazione affettiva, di condivisione, di amore. Per me - che sono solo un genitore, seppur di trentennale esperienza, di un figlio autistico - i "ragazzi" sono tutti figli e il rapporto empatico è esageratamente presente in ogni attività, in ogni progetto, in ogni momento. Il tempo vissuto con Simone è stato quello più soddisfacente, per il suo impegno e la sua volontà di migliorarsi, ma anche per quello ho ricevuto. Da lui ho imparato che chi dona ha sempre il fiore della gioia in mano come io avrò Simone nel mio cuore, per sempre».

E così lo hanno salutato anche i ragazzi e i volontari di Loco Motiva su Facebook: «Ciao Simone. Non sei più là dov'eri ma sarai ovunque noi siamo». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua