Rieti, la Coppa Carotti piange la morte
di Armida Palmegiani: «Se ne
va una grande amica della gara»

Lunedì 1 Giugno 2020

RIETI - Il rammarico per l’annullamento della prossima Rieti Terminillo dovuta alla situazione sanitaria causata dal Coronavirus, si accentua a causa della scomparsa di un’altra figura sportiva che per anni ha fatto parte del gruppo organizzativo storico della nostra gara.

Dopo Franco Allegri e Savina Francerschini, ora anche Armida Palmegiani se ne va. Armida, segretaria di manifestazione e verificatrice sportiva  dell’Automobile Club Rieti, ha lottato fino all’ultimo, con tenacia, contro una malattia che non le ha lasciato scampo.

In pochi lo sapevano e con l’amica del cuore Savina, sempre al suo fianco, aveva condiviso gli alti e bassi che le cure le davano.

«Armida figura schiva e umile, ma preparata - la ricordano così gli amici della Rieti Terminillo - Era sempre solare e sincera, durante le gare non ti lasciava mai solo e nei momenti no era lei che dava la carica e la serenità. Ciao Armida, un pensiero corre alla tua adorata mamma».

«Se ne va una grande amica della nostra gara – ha commentato il presidente dell’Automobile Club Rieti Innocenzo de Sanctis – Ai suoi familiari le più vive e sentite condoglianze dell’Aci, degli amici della Carotti e mie personali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani