Un Rieti mal guidato fa quello
che può, qualche giocatore
sufficiente ma prova mediocre:
pagelle e foto

Sabato 22 Febbraio 2020 di Mattia Esposito
L'infortunio ad Aquilanti (foto Riccardo Fabi/Meloccaro)

RIETI - Diamo i voti ai protagonisti del match tra Rieti e Teramo. Negli amarantocelesti qualcuno si salva, ma l'impressione è che anche lo stato d'animo collettivo non lascia ben sperare per una salvezza sempre più difficile.
 

 

MERELLI 6
Fa quel che può, non ha responsabilità sui gol. Non viene quasi mai impegnato seriamente, preciso in uscita. 

FIUMARA 5.5
Entra al posto dell'infortunato Aquilanti. Partita onesta: il Rieti dietro rischia poco, ma il risultato è penalizzante. 

CELLI 6
Rispetto ai suoi compagni di reparto ci mette un pizzico di pericolosità sui corner, sfiorando il gol in un paio di circostanze. 

ESPOSITO 6
Ordinato dietro, senza troppe sbavature. Difficile dare un giudizio negativo sulla sua gara. 

KALOMBO 6
Quale buona incursione sulla destra. Sbaglia la rifinitura, l'ultimo passaggio, ma sulla corsia non si ferma mai. 

MORRONE 5
Non incide, qualcosa di buono in fase di ostruzione, non incide mai con il pallone tra i piedi. 

TIRELLI 5.5
Entra a partita in corso, non riesce ad incidere più di tanto.
 
ZAMPA 5.5
Anche per lui partita senza incidere troppo. Ordinato e attento, ma poco altro. 

ZANCHI 5.5
Preciso dietro, meno spinta del solito sulla corsia sinistra. 

DE PAOLI 6
Sembra l'unico che dalla trequarti in poi può inventare qualcosa: gli avversari lo sanno e lo contengono bene. 

DE SARLO 5
Partita difficilmente giudicabile anche per lui: mai pericoloso, tocca pochissimi palloni al pari di Persano. 

PERSANO 5.5
Qualcosa in più del suo compagno di reparto, ma davvero troppo poco. L'assenza di Russo li davanti è davvero pesante. 

MARIANI 4.5
Dieci sconfitte e un pareggio in undici partite ufficiali alla guida del Rieti. Numeri impietosi ed il pubblico lo contesta dall'inizio alla fine. Difficile invertire il trend cosi, se non impossibile. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi