PAPA FRANCESCO

Il Papa silura il cardinale conservatore Muller: al suo posto Ladaria

Sabato 1 Luglio 2017 di Franca Giansoldati
15

Città del Vaticano - I primi ad annunciare il siluramento del Prefetto della Dottrina della Fede sono stati alcuni siti ultra-tradizionalisti. Poi piano piano le notizie si sono accavallate, confermando di fatto l'ultima clamorosa decisione di Papa Francesco: liquidare il teologo tedesco Gerhard Muller, l'osso duro che sul piano teologico, in questi quattro anni di pontificato, si è spesso pronunciato in controtendenza alla linea possibilista e riformatrice di Bergoglio. Sulla questione dell'Amoris Laetitia, per esempio (forse il documento più importante del pontificato con il quale è stato riformato il matrimonio cattolico), la divergenza è emersa palese, creando anche disorientamento tra i vescovi. Il motivo addotto per giustificare il cambio della guardia al dicastero chiave è stata la scadenza del quinquennio di lavoro che Muller ha ormai raggiunto. Domani, 2 luglio, terminerà il suo lavoro. Normalmente la conferma del secondo quinquennio per i capi dicastero che non hanno oltrepassato i 75 anni è un passaggio che scivola via. In questo caso ad amplificare la decisione papale c'è l'età del cardinale tedesco: Muller ha solo 70 anni. In pratica gliene mancano altri cinque per raggiungere l'età della pensione.

Papa Bergoglio lo ha convocato a Santa Marta tre giorni fa e gli ha comunicato l'intenzione di cercare un successore. L'identikit forse è facile da indovinare: il prossimo guardiano della fede all'ex sant'Uffizio dovrà essere meno duro, meno sordo e meno intransigente di quanto non sia stato Muller. Il quale sul magistero in tema di divorziati risposati al Papa non le ha mandate a dire. Due visioni e due approcci pastorali differenti. «Abbiamo la dottrina che è espressa anche nel catechismo, nel concilio di Trento, nel concilio vaticano, in altre dichiarazioni della nostra congregazione. La pastorale non può avere un altro concetto rispetto alla dottrina, la dottrina e la pastorale sono la stessa cosa. Gesù Cristo come pastore e Gesù Cristo come maestro con la sua parola non sono persone diverse». Da qui la frattura che si è ampliata sempre più fino all'epilogo.

Mueller prima di arrivare a Roma su desiderio di Benedetto XVI nel 2012, è stato vescovo di Ratisbona. Per anni è stato docente di teologia nell’università Ludwig-Maximilians di Monaco. Ratzinger gli aveva affidato la cura della propria opera omnia, ossia la raccolta di tutti i suoi scritti teologici. In mattinata il Vaticano ha ufficializzato la promozione per il gesuita Ladaria, attualmente numero due della Congregazione della Fede e braccio destro di Mueller. In curia lo definiscono un conservatore moderato. 

Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 02:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi