Referendum, ok test del Senato: comitato del sì supera il tetto delle firme

La maggioranza serra i ranghi e Ncd decide di lasciare i malumori interni alla resa dei conti serale con il leader Angelino Alfano che però mostra i muscoli subito prima di incontrare i suoi senatori: «credo che tutti bluffatori siano stati smentiti dal chiaro gioco pubblico di questa sera in cui si è visto chiaramente come senza di noi questo governo non abbia la maggioranza, con noi può prescindere da tutti gli altri». Dopo giorni di tensione, comunque, oggi Matteo Renzi può tirare un sospiro di sollievo: al Senato sul ddl Enti Locali la maggioranza conta 167 sì più 17 voti aggiuntivi degli uomini di Verdini e Tosi, ben oltre la maggioranza assoluta richiesta per far passare il provvedimento e ridare fiato al governo. Che oggi può festeggiare il traguardo delle 500mila firme popolari per il referendum, obiettivo che invece il Comitato del No non riesce a centrare. Su Palazzo Madama si erano scaricate le attenzioni ed i timori sulla tenuta della maggioranza tra pressing di modifiche per l'Italicum e timori sull'esito del referendum dopo l'andamento delle amministrative. «Tanto rumore per nulla», esulta oggi il Pd che comunque qualche timore ce l'aveva visto che i senatori avevano l'ordine tassativo di stare tutti in Aula. D'altra parte una correzione di rotta, nell'ultima settimana, c'è stata: il premier ha invitato tutti a mettere la faccia sul referendum proprio per consentire di spersonalizzarlo dalla partita su di lui e sul governo e in direzione non solo la minoranza ma anche Dario Francheschini hanno chiesto di riflettere su modifiche all'Italicum dopo il voto sulla riforma costituzionale. L'«esplorazione», come viene chiamata un pò scherzosamente in Transatlantico, di Lorenzo Guerini è partita: il vicesegretario sta sondando le varie correnti del Pd ed i partiti di maggioranza per capire se ci sono margini per correzioni chirurgiche all'Italicum. Un sondaggio che non porterà, per ora, ad aprire alcun tavolo: tutto è rinviato a dopo il referendum e comunque Renzi ha fatto capire che il governo non entrerà in scena. Ma che sembra servire a placare gli animi anche dentro il Pd. Oggi Pier Luigi Bersani, in un'intervista a Die Zeit, rassicura che «nessuno della minoranza pensa che il premier debba essere mandato a casa», non vede rischi di instabilità per il governo anche se contesta la personalizzazione del leader dem che estromette la sinistra interna. Comincia ad entrare nel vivo, nel frattempo, la partita referendaria anche se la data non è ancora fissata: non senza difficoltà, il Comitato del sì domani consegnerà in Cassazione tra le 560mila e le 580mila firme a sostegno del quesito. Risultato invece fallito dal Comitato del No che si ferma a quota 300mila causa, denuncia Vincenzo Vita, un silenzio mediatico totale «grave e greve». Colpa anche, denuncia qualcuno dei partiti di opposizione, dello scarso impegno M5S nella raccolta delle firme mentre Fi annuncia l'avvio della campagna referendaria «appuntamento politico decisivo della prossima stagione».
Mercoledì 13 Luglio 2016 - Ultimo aggiornamento: 14-07-2016 19:36

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2016-07-14 10:07:15
boooommm ahahah ne riparlaimo a ottobre!!!
2016-07-14 08:40:08
conta i giorni che ti rimangono su quella poltrona, perchè ormai è certo che farai la stessa fine di fini!!
2016-07-13 21:53:02
tutti sfacciatamente disponibili alle peggiori nefandezze politiche pur di mantenere le poltrone. Un secco NO li spazzerà via, restituendo un pò di democrazia e dignità a questo paese.
2016-07-13 21:09:55
Non credo nei fatti e non nelle ciance che la Casta dei deputati o senatori sia di sinistra che oppositori a tutti i costi il giorno delle votazioni sul referendum voti contro il provvedimento legislativo dell'abrogazione del vecchio Senato.A costoro si può dire di tutto meno però, che siano scemi per cui penso che il Referendum prenderà il massimo dei voti,altrimenti, se fosse il contrario potrebbe pensarsi che i deputati vogliono autocastrarsi. e se va bene a loro, va bene a tutti.
QUICKMAP