Attentato Kabul, muore Shah Marai il fotografo che raccontava l'orrore Afghanistan

Lunedì 30 Aprile 2018 di Alessia Strinati

Shah Marai è morto nel duplice attentato realizzato oggi dall'Isis nel quartiere centrale di Shash Darak a Kabul, dietro l'ambasciata statunitense e il quartier generale della Nato. Ma chi era quest'uomo? Marai era il reporter principale per l'Agenzia France Press, ed è stato ucciso insieme ad altri otto giornalisti delle emittenti locali, durante l'attentato. Con lui se ne va anche una speranza per questo paese che era stato raccontato dalla sua macchina fotografica per anni.

LEGGI ANCHE ----> Strage oggi a Kabul

Marai parlava di un Afghanistan che voleva una nuova speranza dopo la lunga dittatura talebana. Il paese, ancora vittima del terrorismo, sta lentamente cercando di andare avanti e il fotografo aveva mostrato al mondo questo desiderio di rinascita. Nel 1998, ancora sotto il regime talebano, aveva iniziato a lavorare per le strade di Kabul con una macchina fotografica nascosta. Ovviamente in quel periodo non si firmava con il suo vero nome per paura di ritorsioni ma era stato in grado di mostrare al mondo quello che accadeva a causa del regime.
 

Fino al 2000, quando anche le ultime agenzie straniere vennero cacciate dall'Afghanistan solo Marai rimase a coprire la storia a Kabul. Ha raccontato la guerra, la liberazione e il ritorno dei talebani, il terrorismo, sempre con coraggio, fino ad oggi che purtroppo è morto proprio facendo quello che aveva sempre fatto con grande passione. 
 

Ultimo aggiornamento: 15:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani