Gerusalemme, le Chiese cristiane chiudono al pubblico il Santo Sepolcro: ​è la prima volta nella storia

di Franca Giansoldati
Il Santo Sepolcro a Gerusalemme ha chiuso i battenti per protesta. E' la prima volta nella storia che il luogo più sacro della cristianità arriva ad una misura tanto drastica. Il motivo della serrata è stato deciso dalle Chiese cristiane (ortodossa, cattolica e armena) per opporsi alle nuove tasse imposte da Israele. Non è ancora chiaro quanto durerà la chiusura del luogo sacro annunciata dai responsabili delle autorità cristiane in una conferenza stampa. La chiusura è iniziata da mezzogiorno di oggi.

La Chiesa costruita sul luogo dove Gesù venne crocifisso, sepolto e resuscitato è meta di pellegrinaggi da ogni parte del mondo: cattolici, copti, armeni, ortodossi, protestanti. Un flusso di 500 mila turisti all'anno che alimentano una parte importante della economia israeliana.

Il tema della tassazione delle chiese e delle attività religiose in Israele è al centro di una complessa disputa che va avanti da anni. Il Premier Netanyahu, qualche tempo fa, ha espresso il suo appoggio alle confessioni religiose: «Sono fiero che Israele sia un paese non solo dove i cristiani sopravvivano, ma che prosperino». Nello stesso tempo le amministrazioni chiedono di ottenere le imposte attraverso una nuova politica fiscale appena approvata. «Si tratta di un attacco sistematico e senza precedenti contro i cristiani della Terra Santa» hanno fatto sapere in un comunicato congiunto le confessioni cristiane che gestiscono il Santo Sepolcro.


«La Chiesa del Santo Sepolcro e gli altri luoghi di preghiere delle Chiese sono esenti da tasse municipali. In merito non c'è alcun cambiamento e così continuerà ad essere», è la risposta del sindaco di Gerusalemme Nir Barkat. «Ma sembra forse ragionevole che aree commerciali come alberghi, sale di ricevimento e altri affari siano esenti da tasse municipali per il solo fatto - ha aggiunto - di essere di proprietà delle Chiese? Perché l'albergo Mamilla le paga e il Notre Dame che gli sta di fronte deve essere esentato?».
Domenica 25 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 26-02-2018 16:12

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-03-01 12:57:57
Il Papa tace. Bravo!
2018-02-26 12:13:52
Il comune di Gerusalemme chiede che le attività commerciali di proprietà delle chiese paghino la dovuta tassa comunale detta Arnona. Tutti i luoghi di preghiera e di culto sono NATURALMENTE esenti da tasse. Ho letto alcuni dei commenti precedenti e lasciano veramente da pensare...e non vado oltre, non credo che serva!
2018-02-26 09:51:19
Uscite come i funghi ipocriti che non siete.subito pronti a buttare benzina sul fuoco qui non si tassa la chiesa ma solo gli esercizi che producono guadagno.
2018-02-26 08:37:03
Popoli europei troppo teneri con questo popolo occupanti di terreni, sarebbe il caso di far pagare super tasse alle loro sinagoghe così alte da far impegnare i beni di famiglia.
2018-02-26 02:09:49
Anche in Israele , i conventi a cinque stelle per i poveri pellegrini danarosi non pagano tasse come succede a Roma nei dintorni del Vaticano ?
15
  • 137
QUICKMAP