Charlie Hebdo, nuove minacce al settimanale satirico: aperta un'inchiesta

Charlie Hebdo, nuove minacce al settimanale satirico: aperta un'inchiesta
1 Minuto di Lettura
Lunedì 6 Novembre 2017, 23:57 - Ultimo aggiornamento: 7 Novembre, 15:09

La procura di Parigi ha aperto una inchiesta dopo la denuncia di nuove minacce da parte di Charlie Hebdo, minacce diffuse dopo la pubblicazione di una vignetta in cui Tariq Ramadan, il teologo musulmano accusato di stupro da due diverse persone, compare con una abnorme erezione mentre dice «sono il sesto pilastro dell'Islam». La didascalia recita «Stupro, la difesa di Tariq Ramadan». Fonti giudiziarie hanno confermato l'apertura di una inchiesta in seguito alla denuncia.

Il settimanale satirico francese ha deciso di sporgere denuncia dopo le minacce di morte seguite all'ultima discussa copertina, aveva annunciato in giornata il direttore Riss. Parlando ai microfoni di radio Europe 1, Riss ha denunciato un clima «pesante» affermando che le minacce di morte si stanno progressivamente «banalizzando». «Sapere se sono minacce serie o meno è sempre difficile - ha continuato -, ma per principio le prendiamo sul serio e sporgiamo denuncia».

Il 7 gennaio 2015, il settimanale satirico è stato protagonista del primo recente attentato su larga scala da parte di terroristi in Europa (a Parigi): nell'assalto sono  morte 12 persone undici sono rimaste ferite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA