Venezia, lesione al cuore durante l'intervento: donna muore in sala operatoria

La Procura della repubblica di Venezia ha aperto un'indagine per accertare le cause della morte di una donna, Ornella Mortati, 60 anni, di Scorzè (Venezia), deceduta all'ospedale di Mirano (Venezia) dopo essere stata sottoposta a un'intervento per l'impianto di un pacemaker. Il fascicolo d'indagine al momento è senza indagati, ed è stato aperto dal sostituto procuratore Giovanni Zorzi, nell'ipotesi che a causare la morte della donna sia stata una lesione durante l'operazione; l'autopsia si terrà con ogni probabilità lunedì prossimo.

La donna, che aveva gravi problemi cardiaci, è deceduta nel corso dell'operazione, a causa di un'emorragia. L'Usl 3 Serenissima ha aperto un'inchiesta interna, sulla base del referto dell'intervento, con un esame del medico legale da cui sarebbe emersa una lesione al cuore. È quindi stata decisa la segnalazione alla magistratura che ha avviato i propri accertamenti autonomi sull'accaduto. 
Venerdì 10 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 11-08-2018 19:08

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-08-10 13:39:52
Uno - con gravi problemi cardiaci - fa un operazione al cuore e muore sotto i ferri. La Magistratura apre un fascicolo! Che paura! La solita sceneggiata per dare lavoro agli avvocati. Sarà sempre possibile dimostrare che era un operazione a rischio, ma ciò ci verrà confermato tra sette otto anni. I magistrati corrono dietro alle farfalle.
2018-08-11 09:05:34
L' impianto di un pacemaker non e' un intervento a rischio, fa parte della routine di ogni cardio chirurgo, che per la sua semplicita' spesso fa eseguire ai suoi allievi...
2018-08-10 12:59:52
Una distrazione? Magari stavano parlando della prossima vacanza o dell' ultimo selfie, ed e' scappato un movimento incontrollato... sono proprio gli interventi di routine a causare le morti piu' assurde, proprio perche' spessissimo i chirurghi operano con superficialita'...avendolo fatto tante volte.
2018-08-10 11:41:36
I chirurghi italiano lavorano poco in sala operatoria ma molto negli studi dove si fanno strapagare per visite di 15' o poco più. I risultati sono questi.
4
  • 19
QUICKMAP