Stupri di Rimini, il capobranco Butungu positivo alla tubercolosi

Venerdì 8 Settembre 2017
Stupri di Rimini, il capobranco Butungu positivo alla tubercolosi

E’ risultato positivo alla Tbc, Guerlin Butungu, il capobranco degli stupri di Rimini. Il ventenne congolese, aspetto gentile e anima orrida, è stato trasferito nella giornata di ieri dal carcere di Rimini a quello di Pesaro, nella sezione dei sex offender, un reparto protetto e speciale previsto a Villa Fastiggi dove si tentano dei percorsi di recupero per chi commette gravi reati a sfondo sessuale.

3226927_1050_102062228.jpg

Proprio durante gli accertamenti sanitari a cui è stato sottoposto l’immigrato a cavallo tra gli ingressi nelle carceri di Rimini e Pesaro che gli esami avrebbero riscontrato la presenza della tubercolosi, malattia infettiva causata da vari ceppi di micobatteri. Ma al momento non è chiaro se si tratti di una forma di tisi più o meno grave, nè se, essendo una malattia contagiosa, sia stata prevista una profilassi per chi è venuto in questo periodo a contatto con il congolese, che godeva di un permesso di protezione umanitaria e che era uscito dallo scorso aprile dal sistema Sprar riservato ai profughi. 

Ultimo aggiornamento: 10 Settembre, 21:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA