Palermo, cacciato dal bar perché nero. Il gestore: «Pensavamo fosse un mendicante»

Sabato 3 Marzo 2018
67
Said
Viene cacciato via da un bar del centro storico di Palermo, a due passi dal Teatro Massimo, perché di colore. A denunciare l'episodio su Facebook è lo stesso protagonista della vicenda, Yacoub Said, che si sente «sdegnato».

«Sono stato cacciato fuori da un bar a Palermo perché sono nero e un nero non si può permettere di sedersi perché secondo il Signore tutti i neri sono dei mendicanti che chiedono l'elemosina - 
scrive Yacoub su Facebook - Mi sento sdegnato dopo che ho vissuto in questa città per tanti anni e quello che ho fatto per questa città, grazie». «Non mi è mai piaciuto scrivere le mie cose su Facebook - inizia il suo post - ma vorrei approfittare di questo momento per denunciare un atto di discriminazione razziale nei miei confronti e nei confronti di chi subisce e non parla mai é ora di dire basta». Yacoub posta anche la foto con lo scontrino che contiene il nome del bar in centro.

LEGGI ANCHE: Patente sospesa perché gay, lo Stato dovrà dargli 100mila euro di risarcimento

«Ci dispiace per quello che è accaduto, ma noi non siamo razzisti. Il cameriere ha fatto allontanare il ragazzo nero perché pensava che fosse un mendicante, o un vucumprà che voleva vendere della merce ai clienti. Solo dopo abbiamo capito che era un cliente. Siamo davvero dispiaciuti per questa vicenda», spiega Giacomo Tarantino, gestore del bar. «Forse il ragazzo che serve ai tavoli si è espresso male - dice ancora Tarantino - lo ha scambiato sicuramente per un venditore di cianfrusaglie. Ma niente di che. Non ha mica alzato la voce. Lo ha semplicemente invitato ad allontanarsi, ma non perché è nero. Sia chiaro. Non c'è niente di tutto questo». E ribadisce: «Siamo davvero molto dispiaciuti, invito chiunque a venire al bar per vedere come siamo, sempre gentili con tutti. Non siamo razzisti, lo ribadisco. Solo che a volte capitano cose sgradevoli, sono vicende che si possono evitare, ma purtroppo ormai è successo». Dopo avere capito che Yacoub Said non era un mendicante, ma un giovane cliente che vive regolarmente a Palermo da molti anni, lo stesso cameriere ha invitato il giovane di colore a tornare e a sedersi. «Volevamo anche offrigli il caffè - spiega ancora Tarantino - ma il ragazzo si è offeso e se n'è andato. Ripeto: Siamo tutti molto dispiaciuti per l'accaduto».

Numerosi gli attestati di solidarietà al giovane di colore. Arianna Campisi scrive: «Hai fatto bene a pubblicare il nome del bar e ciò che è successo perché è veramente inammissibile! Tu non far caso all'ignoranza e sii sempre fiero di te e del tuo colore di pelle, testa alta sempre». Roberta Erre scrive: «Non ti conosco ma mi sento mortificata di essere concittadina di queste persone. Stupidità e ignoranza, cafoneria e inciviltà. Condivido il tuo Post per denunciare quest episodio raccapricciante». E rivolta al bar: «Spero perdiate la vostra clientela». Francesco Carollo scrive: «Non te la prendere. Il razzismo esiste solo fra gli ignoranti e I deboli, è un atto di rivalsa nella vita di chi non si sente considerato. I cretini sono ovunque. Sii sempre te stesso». E Yacoub risponde: «Grazie a tutti per il vostro supporto davvero thank you everybody, merci a tout le monde». E aggiunge: «Non possiamo lasciare gli ignoranti rovinare questa bellissima città».
Ultimo aggiornamento: 5 Marzo, 02:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma