Macerata, pentolaccia choc per i bimbi in piazza: «Spacca la testa a Mussolini e vinci i dolci»

Giovedì 26 Aprile 2018
9
Macerata, pentolaccia choc per i bimbi in piazza: «Spacca la testa a Mussolini e vinci i dolci»
«Spacca la testa al pupazzo raffigurante Mussolini e vinci i dolci». È polemica a Macerata, dove in occasione del 25 aprile è stata organizzata una discutibile versione antifascista della pentolaccia organizzata dal Collettivo Antifà. L'invito choc ai bambini armati di bastone era quello di colpire un fantoccio di Mussolini appeso a testa in giù in piazza Battisti. 

Da un lato c'erano tappetini stesi per un'esibizione sportiva, dall'altro questa specie di rievocazione di Piazzale Loreto ma con protagonisti dei bimbi che al posto di una pignatta dovevano colpire la testa del fantoccio del Duce.

Poi il pupazzo, in divisa fascista, è stato sostituito da un altro, stavolta con una maglia nera e una croce celtica sul petto, forse per richiamare la figura di Luca Traini, autore della sparatoria xenofoba contro migranti per le vie di Macerata per vendicare l'omicidio della 18enne romana Pamela Mastropietro.

Nella bufera è finito anche il Comune di Macerata accusato di aver autorizzato la controversa pentolaccia. L'amministrazione però «condanna duramente quanto accaduto in piazza Cesare Battisti in occasione del 25 aprile 2018 e si dissocia respingendo ogni responsabilità in merito ai gravi fatti a cui è completamente estranea».

«Le iniziative - spiega - non sono state organizzate dal Comune, né patrocinate dalla Giunta comunale, né finanziate». Gli uffici comunali, «procedendo secondo regolamento, hanno concesso l'occupazione di suolo pubblico come da richiesta presentata dall'associazione Collettivo Csa Macerata in collaborazione con l'Associazione Asd Popolare Macerata per occupare dalle ore 14 alle 20 del 25 aprile la piazza con un gazebo, un tatami e un tavolo allo scopo di svolgere esibizioni di pratiche sportive. Dalla richiesta non si evince nessuna altra indicazione sui contenuti».


Così in una nota il sindaco di Macerata Romano Carancini: «Una messa in scena ignobile e indegna che l'Amministrazione condanna fermamente. È una provocazione inaccettabile per la nostra comunità che tradisce il vero senso della Festa del 25 aprile, infanga il significato stesso dell'antifascismo e fa male alla città. Abbiamo comunicato alla Digos, su richiesta della stessa - aggiunge -, le circostanze dei fatti e trasmesso i documenti al fine di accertare le eventuali responsabilità, rispetto alle quali l'Amministrazione si riserva ogni azione».
Ultimo aggiornamento: 27 Aprile, 11:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma