Arezzo, dimentica bimba in auto per sei ore: madre indagata per omicidio colposo

È indagata per omicidio colposo Ilaria Naldini, la mamma 38enne di Terranuova Bracciolini (Arezzo) che ieri ha dimenticato in auto Tatiana, la figlia di soli sedici mesi, morta dopo sei ore trascorse nell'abitacolo surriscaldato della Lancia Y posteggiata sotto il sole davanti al comune di Castelfranco di Sopra, dove la 38enne lavora. Il pm Andrea Claudiani ha iscritto la donna nel registro degli indagati, dopo averla sentita ieri, fino alle 21, nella caserma dei carabinieri, ma al momento ha escluso l'accusa di abbandono di minore. Stando a quanto trapela da fonti vicine alla procura, più che di un interrogatorio, si è trattato di un colloquio portato avanti con molto tatto, date le condizioni psicologiche della 38enne, sostenuta dal marito Adriano Rossi e dall'avvocato Andrea Frosali. La donna avrebbe tenuto un atteggiamento collaborativo nonostante il dolore e avrebbe ricostruito la dinamica dei fatti con una chiarezza ritenuta dagli investigatori calzante con quanto riferito dai testimoni.

La 38enne, che lavora sia per il comune di Castelfranco sia per quello di Terranuova, avrebbe riferito di essere uscita di casa al mattino presto, di essere salita in auto con la piccola e aver proseguito per Castelfranco anziché lasciare all'asilo nido Tatiana, che era sul suo seggiolino, così come faceva ogni giorno. Scesa dall'auto, posteggiata in piazza Vittorio Emanuele davanti al Comune, è entrata in ufficio, uscendone 6 ore dopo, intorno alle 14,15, con una certa premura perché convinta di dover andare a prendere la bimba al nido. Non avrebbe mai avuto dubbi di averla lasciata lì al mattino. Salita in auto si è resa conto che invece dietro c'era Tatiana. È scesa e tra urla strazianti ha chiamato aiuto: i soccorsi sono risultati inutili. Adriano Rossi, padre della bimba e marito di Ilaria, fin da subito pur nella disperazione avrebbe avuto un atteggiamento protettivo nei confronti della moglie. La donna sarà sottoposta presto ad un esame psichiatrico per capire se, nel momento in cui ha dimenticato la bimba, potesse essere stata colpita da amnesia dissociativa come ipotizzano i sanitari. Stando a fonti vicine alla procura tale patologia, se accertata, potrebbe pesare molto sulle decisioni del pm Claudiani.

L'autopsia, disposta per domani all'ospedale della Gruccia, stabilirà le cause del decesso: a eseguirla l'equipe di medicina legale di Siena. La vicenda umana di Ilaria e Adriano e della piccola Tatiana ha sconvolto l'intera vallata. Il sindaco di Terranuova e il collega di Castelfranco hanno espresso vicinanza alla famiglia così duramente provata dal dolore. L'amministrazione di Terranuova ha deciso di rimandare a data da destinarsi una manifestazione che doveva tenersi domani. «La nostra città è stata colpita da un grave lutto, un dolore infinito - dice il sindaco Sergio Chienni - Chi conosce Ilaria sa quale è la sua dedizione verso la famiglia e verso la comunità. Questo è il momento del silenzio e della vicinanza a tutti i familiari della piccola Tatiana. È difficile anche solo immaginare la disperazione che stanno vivendo. Ci stringiamo intorno a loro e faremo tutto il possibile per stargli vicino». Intanto sulla vicenda interviene Gianni Melilla, deputato di Mdp, primo firmatario della proposta di legge che renderebbe obbligatorio il sistema «salva bimbi» per le auto. «Purtroppo - commenta - queste tragedie si susseguono senza che Governo e Parlamento abbiano sinora avuto il senso di responsabilità di approvare la mia proposta che rende semplicemente obbligatorio l'installazione di un sensore acustico che segnala a motore spento la presenza di bambini nel seggiolino. Ho presentato due anni fa una proposta di legge semplice e risolutiva», doveva essere «approvata da tempo. Il fatto che il Governo e la maggioranza non abbiano avuto la sensibilità sinora di approvare quella proposta o quantomeno, di inserire in una delle tante proposte di legge questa semplice norma, è molto grave»
Giovedì 8 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento: 09-06-2017 14:44

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 35 commenti presenti
2017-06-09 16:41:46
Troppo facile parlare giudicare condannare devi vivere e capire che in silenzio è meglio stare.
2017-06-09 13:56:30
@ Riziero: Lei parla di medioevo? Lei che ieri mi ha chiesto cosa avrei cucinato per cena? Lei fa battute di pessimo gusto su vicende drammatiche come questa. Lei non e' neppure arrivato al medioevo. E' alla preistoria. Anzi no....l'uomo delle caverne era migliore. E, nella caverna, e' in buona compagnia.
2017-06-09 11:35:02
E' invalso l'uso del termine "indagato" anche quando di indagini non è il caso di parlare, vista l'evidente colpevolezza (addirittura "indagati" i galantuomini che timbrano e spariscono anziché lavorare, il tutto con tanto di video che toglie ogni dubbio. Ma è diventato proibito definirli "accusati"? Abbiamo paura di usare le parole giuste?
2017-06-09 09:13:45
La scorsa settimana mio marito era convinto di aver portato nostro figlio in palestra, invece lo aveva già ripreso. Quando un passante ha chiesto dove fosse nostro figlio, lui ha riposto con tutta serenità:"in palestra ". L'ho guardato stupita, ma lo diceva convinto, ovviamente ha subito realizzato. A noi non è successo niente di grave ma non mi sento migliore di nessuno, dobbiamo avere compassione per questa povera donna che ha perso la ragione della sua vita.
2017-06-09 09:10:58
Un plauso a quei pochi uomini fuori dal coro di uomini penosi.
35
  • 482
QUICKMAP