Cervia, giovane cameriere milanese respinto perché nero: «Non ti assumo più»

Giovedì 3 Agosto 2017
80
Non è stato assunto da un albergo di Cervia, in provincia di Ravenna, per la stagione estiva perché la sua pelle è nera. A denunciare il fatto è la Filcams-Cgil di Ravenna che sta preparando una vertenza per accompagnare in tribunale Paolo, giovane milanese che si è visto rifiutare un'assunzione già concordata. Il fatto, secondo quanto riferiscono Manuela Trancossi, della segreteria provinciale della Cgil, e Paolo Bragaglia, dell'ufficio vertenze del sindacato, risale al 18 giugno scorso quando il lavoratore, dopo avere inviato via mail la copia della carta di identità necessaria a perfezionare il contratto di assunzione per il quale c'era già un accordo, ha ricevuto un messaggio, via sms, con il quale il datore di lavoro rifiutava l'assunzione. Una storia che arriva poco dopo gli appelli dehli operatori turistici romagnoli che non trovano personale per la stagione estiva.

La Cgil ha diffuso il testo del messaggio: «Mi dispiace Paolo ma non posso mettere ragazzi di colore in sala qui in Romagna la gente è molto indietro con mentalità scusami ma non posso farti venire giù ciao». Paolo, che ha già alcune esperienze nel settore turistico e ricettivo, anche nella riviera romagnola, aveva risposto da Milano a un annuncio per lavorare nella stagione giugno-settembre 2017 in un hotel di Cervia. «Siamo di fronte a un evidente caso di discriminazione razziale - dicono i responsabili della Filcams-Cgil - in cui a un danno patrimoniale per avere perso la stagione lavorativa si somma l'umiliazione e la profonda ingiustizia di cui si è vittima. Siamo certi che la Romagna saprà distinguersi dall'inaccettabile connotazione riservatale dall'albergatore».
Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 13:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La partitella sulla spiaggia: evento top e incubo bagnanti

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma