COVID

Vaccinazioni anche nelle aziende, priorità a 5 categorie, confronto con le Regioni: ecco il nuovo piano

Giovedì 11 Marzo 2021
Vaccini, nuovo piano del Governo: stretta «anti-furbetti» e priorità a 5 categorie. Ecco quali

Svolta «anti-furbetti» nella bozza del nuovo piano vaccini che sarà analizzata oggi in Conferenza delle Regioni e in Unificata. Nel nuovo testo è stata infatti eliminata come categoria prioritaria quella dei lavoratori essenziali. Una scelta che potrebbe essere riconducibile alla volontà di prevenire eventuali tentativi di prevaricazione da parte di alcune categorie. Le raccomandazioni «su gruppi target a cui offrire la vaccinazione saranno soggette a modifiche e verranno aggiornate in base all'evoluzione delle conoscenze e alle informazioni disponibili, in particolare relativamente a efficacia vaccinale e immunogenicità e sicurezza dei vaccini disponibili in diversi gruppi di età e fattori di rischio, effetto del vaccino sull'acquisizione dell'infezione, sulla trasmissione e sulla protezione da forme gravi da malattia e sulla evoluzione della situazione epidemiologica».

Le 5 categorie

Priorità per gli over 80 ed alcune categorie professionali come il personale scolastico e le forze dell'ordine ma a queste si aggiungono 5 categorie per età e patologie. Queste le linee: elevata fragilità (persone estremamente vulnerabili; disabilità grave); persone tra 70 e 79 anni; persone tra i 60 e i 69 anni; persone con comorbidità sotto i 60 anni, senza la gravità riportata per le persone estremamente vulnerabili; persone sotto i 60 anni.

Lockdown, Ilaria Capua: «Dobbiamo stare fermi altri 2 mesi e siamo dall'altra parte, i vaccini fanno miracoli»

Sul lavoro

«Qualora le dosi di vaccino disponibili lo permettano» sarà possibile «vaccinare all'interno dei posti di lavoro, a prescindere dall'età, fatto salvo che la vaccinazione venga realizzata in sede, da parte di sanitari ivi disponibili, al fine di realizzare un notevole guadagno in termini di tempestività, efficacia e livello di adesione», fanno sapere dal vertice.

Lockdown weekend, quando scatterà e cosa posso fare? Spostamenti, ristoranti: le ipotesi al vaglio

Covid, test rapidi pronti da un mese, ma non sono usati: scoprono anche le varianti

È iniziata dunque la riunione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome convocata per discutere del nuovo piano vaccinale elaborato dal governo e delle nuove misure per l'emergenza Covid-19 in arrivo. Il presidente della Conferenza e dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini è collegato in video dalla sede di Roma, secondo quanto si apprende.

Dalle 14.30 è prevista la Conferenza unificata con i ministri Mariastella Gelmini (Affari regionali) e Roberto Speranza (Salute) e i rapresentanti dei Comuni (Anci) e della Province (Upi). Sono collegati, tra gli altri, Donato Toma (Molise), Massimiliano Fedriga (Friuli Venezia Giulia), Nino Spirlì (Calabria), Giovanni Toti (Liguria), Nello Musumeci (Sicilia), Donatella Tesei (Umbria), Erik Lavevaz (Valle d'Aosta), Arno Kompatscher (Alto Adige), Marco Marsilio (Abruzzo), Luca Zaia (Veneto). Altre Regioni sono rappresentate a livello di assessori, secondo quanto riferito. 

 

Bisogna «affrontare con urgenza la sfida della campagna vaccinale nei luoghi di lavoro, per la quale abbiamo predisposto una intesa con le organizzazioni sindacali e imprenditoriali, che utilizzi anche i medici aziendali nella somministrazione dei vaccini. C'è già un gruppo tecnico che sta lavorando per la predisposizione dei protocolli». Così il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando, nelle comunicazioni alla commissione Lavoro del Senato sulle linee programmatiche del dicastero.

Quelli che saltano la fila, in Lombardia spuntano i furbetti: oltre 220 si prenotano per il vaccino senza averne diritto

Vaccini, a Roma campagna in ritardo: fiale bloccate, problemi nelle Asl 1-2 (e in provincia)

Il dottor Schintu dopo aver vinto il virus vaccina i suoi pazienti

Ultimo aggiornamento: 19:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA